Olio e bollito aspettando il Bue Grasso
Cultura e Spettacoli

Olio e bollito aspettando il Bue Grasso

Da domenica scatta il conto alla rovescia per la secolare Fiera regionale del Bue Grasso. Attesa fatta di golosità visto che i giorni che precedono l'edizione numero 376 della rassegna

Da domenica scatta il conto alla rovescia per la secolare Fiera regionale del Bue Grasso. Attesa fatta di golosità visto che i giorni che precedono l'edizione numero 376 della rassegna zootecnica, che si celebrerà mercoledì prossimo, saranno caratterizzati da una serie di eventi legati sempre alle eccellenze del territorio.
Il sipario sul cartellone che va sotto il nome di "Sua maestà il Bue Grasso" sarà aperto domenica, secondo il ricco programma messo a punto dalla commissione comunale organizzatrice presieduto da Luisella Braghero.

Olio e bollito gli ingredienti della giornata di festa. Così nei locali della Bottega del Vino, che sfrutta anche i recuperati camminamenti di piazza Antico Castello, a partire dalle 10 e fino all'imbrunire si svolgerà la "Giornata dell'olio". Manifestazione che quest'anno è giunta alla decima edizione e come sempre si presenta come una tra le più qualificate rassegne dedicate alla produzione olicola di tutto il Piemonte. L'occasione per far conoscere in anteprima i risultati dell'ultima campagna accompagnata anche dalla degustazione degli oli extra vergine regionali.

In contemporanea il pubblico potrà prendere parte alla Sagra del bollito di bue grasso con stalle e cantine aperte a visite guidate e degustazioni di prodotti direttamente nelle aziende agricole aderenti. Previsto un servizio navetta con bus che muoveranno dalla centrale piazza Carlo Alberto a partire dalle 10, ogni mezz'ora ed ultima corsa prevista alle 11,30. Bollito protagonista anche del pranzo che potrà essere gustato, alle 12,30, sia nel salone della Pro loco di Moncalvo (tel. 0141 917441 e 347 0384553) che in quello del Gruppo Alpini (tel. 0141 917367 e 328 3543466), entrambi all'interno di Palazzo Testa Fochi nell'omonima via non distante da piazza Garibaldi.

Identico sarà il menu servito in tavola, che propone: affettati misti moncalvesi; salame cotto eletto a De.Co., tomino miele e nocciole, acciughe in salsa e carne cruda di manzo battuta al coltello (altra De.Co. di Moncalvo) prima del sontuoso bollito misto con quattro tagli (punta, testina, lingua e cotechino) con bagnetto verde e rosso ed agnolotti in brodo di bue oltre a dolce e panettone (23 euro, bevande incluse).

Un successivo momento della manifestazione dicembrina quello di martedì mattina, alle 9, con la fattoria didattica proposta agli alunni dell'Istituto comprensivo di Moncalvo che avranno modo di visitare una stalla e conoscere da vicino la filiera zootecnica e le caratteristiche della razza Piemontese nonché le metodologie dell'allevamento.

Maurizio Sala

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale