Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/prorogata-la-mostra-imaginebrstoria-del-rock-attraverso-le-foto-56e6883338d561-nkikyvr8cir6gbg5wfkr0qxnzx9vzd4kusxt8u5v2g.jpg" title="Prorogata la mostra Imagine,
storia del rock attraverso le foto" alt="Prorogata la mostra Imagine,storia del rock attraverso le foto" loading="lazy" />
Cultura e Spettacoli

Prorogata la mostra Imagine,
storia del rock attraverso le foto

Resterà aperta fino al 21 settembre la mostra "Imagine", raccolta di scatti fotografici legati ai miti della musica contemporanea allestita al Fondo Giov-Anna Piras. Negli spazi di via

Resterà aperta fino al 21 settembre la mostra "Imagine", raccolta di scatti fotografici legati ai miti della musica contemporanea allestita al Fondo Giov-Anna Piras. Negli spazi di via Brofferio è possibile ammirare l'opera di celebri fotografi che hanno immortalato icone come John Lennon e Jim Morrison, ma anche fotografi meno noti che hanno seguito da vicino per tutta la vita le vicissitudini dei protagonisti della musica mondiale e ci hanno regalato immagini indimenticabili. Molti musicisti sono stati colti in momenti insoliti, bizzarri e intimi, come l'istantanea scattata da Dennis Stock che ha ritratto Louis Armstrong in mutande, rilassato nel suo camerino, prima di un concerto.

O la famosa immagine di Jim Morrison a petto nudo, realizzata da Joel Brodski, o quella che vede Miles Davis abbandonarsi a bordo ring scattata da Jim Marshall, o il ritratto di una sorridente Janis Joplin opera di Richard Avedon. Non solo primi piani, "Imagine" ripercorre per istantanee i due più grandi concerti della storia: Woodstock e Altamont, che hanno segnato la storia della musica e della società.

Di particolare rilevanza sono le foto documento di Bill Owens ad Altamont, che testimoniano un evento passato alla storia come uno dei concerti più violenti e drammatici. Queste immagini sono le sole rimaste di quel giorno del 1969, perché le forze dell'ordine sequestrarono tutto ciò che era stato riprodotto in video e in foto. La mostra offre anche uno sguardo su alcuni personaggi simbolo della musica italiana, ritratti da Cesare Monti, a cui si devono gli scatti che inquadrano Lucio Battisti, il Banco del Mutuo Soccorso, Eugenio Finardi e Ivan Graziani. L'ingresso è libero, orario di visita dal lunedì al sabato dalle 10 alle 12.30, il pomeriggio dalle 15.30 alle 19. Domenica chiuso.

e.in.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale