Ferrovie del Messico web
Cultura e Spettacoli
Incontro

Si presenta il romanzo di Gian Marco Griffi “Ferrovie del Messico”

E’ ambientato nel 1944 ad Asti, ma anche nel Paese del Centro America tra gli anni Venti e Trenta del Novecento

Sarà presentato oggi (giovedì), alle 18.30 a FuoriLuogo (via Govone 15), il primo romanzo dell’autore astigiano Gian Marco Griffi, intitolato “Ferrovie del Messico”. L’autore dialogherà con Carlo Francesco Conti e Auora Faletti; letture di Silvia Perosino, autrice dell’illustrazione di copertina e delle mappe interne.
Stampato lo scorso maggio da Laurana Editore di Milano (816 pagine, 22 euro), è un romanzo di avventura: la trama porta il lettore nel 1944, ad Asti, ma anche lungo le ferrovie del Messico, tra gli anni Venti e Trenta del ’900.
Ricco di citazioni letterarie, ha come protagonista Cesco Magetti, milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria in servizio alla stazione di Asti. Il quale, ricevuto l’ordine di produrre una mappa ferroviaria del Messico e ritrovatosi catapultato in un’odissea picaresca, girando alla forsennata ricerca di un libro introvabile incrocia la sua storia, tra gli altri, con quella di un giornalista impegnato in una ricerca (quella del padre) lungo le ferrovie messicane.
“Ferrovie del Messico” è il terzo libro pubblicato da Griffi, dopo “Più segreti degli angeli sono i suicidi” (Bookabokk 2017) e “Inciampi” (Arkadia 2019).

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo