Mostra Unicef
Cultura e Spettacoli
Iniziativa

Unicef, fino a domenica l’esposizione solidale con quadri e pigotte

Con un’offerta destinata ai bambini ucraini si possono portare a casa le opere esposte, donate da artisti astigiani

Sono 36 i quadri che compongono la mostra “Le pigotte colorano il mondo”. Promossa dal comitato Unicef cittadino, presieduto da Gloria Fasano, è stata inaugurata sabato scorso nel salone della Residenza San Giuseppe in via Radicati 3.
L’esposizione ha uno scopo solidale: contribuire ad aiutare oltre 7,5 milioni di bambini e adolescenti ucraini che necessitano di assistenza umanitaria.
Per questo le 36 opere esposte – a tema libero e realizzate con le tecniche più diverse – sono state donate dai pittori che le hanno firmate (tra i più noti, Filippo Pinsoglio, Silvio Volpato e Bruna Ivaldi). «Le opere sono a disposizione di chi, visitando la mostra – spiega Loredana Mortara, segretaria del Comitato – volesse aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo. Dietro ad una offerta minima, infatti, potrà portare a casa l’opera che preferisce».

Le pigotte

Per contribuire alla causa è anche possibile adottare con un’offerta minima di 20 euro una delle pigotte (bambole di pezza simbolo dell’Unicef) realizzate a mano dagli ospiti della casa di riposo, coadiuvati dall’educatrice Jasmina Silva. Anche in questo caso, infatti, il ricavato sarà devoluto all’emergenza in Ucraina.
«Le pigotte esposte in occasione dell’inaugurazione – continua – erano “a tema” con l’evento, cioè erano state realizzate in veste di pittrici. Sono state quasi tutte adottate, per cui nei prossimi giorni verranno proposte le bambole ballerine, sempre confezionate dagli anziani della casa di riposo».

La mostra

La mostra rimarrà aperta fino a domenica 29 maggio con i seguenti orari: sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19; dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. Oggi, in particolare, è un giorno particolare per l’associazione, in quanto cade l’anniversario della ratifica da parte dell’Italia della Convenzione per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. «Per questo motivo – conclude Loredana Mortara – agli insegnanti che vengono a trovarci consegneremo un kit didattico sul tema che potrà essere utilizzato in classe il prossimo anno scolastico».
Chi volesse contribuire ad aiutare i bambini ucraini e le loro famiglie con un’offerta può anche contattare gli organizzatori via mail (comitato.asti@unicef.it) o telefono (349 1815535).

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo