La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Venerdì apre la mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia”
Cultura e spettacoli, Tempo liberoAsti -

Venerdì apre la mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia”

Allestita a Palazzo Mazzetti, comprende 75 opere che raccontano il movimento artistico. Sarà visitabile fino al 16 febbraio 2020

Apre la mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia”

Aprirà venerdì 13 settembre, ad Asti presso Palazzo Mazzetti, la mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia – Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie”, in programma fino al 16 febbraio 2020.
Palazzo Mazzetti, grazie ad un progetto condiviso con il noto critico d’arte e presidente Steering Committee Vittorio Sgarbi, ospiterà infatti una nuova grande esposizione dopo la mostra “Chagall. Colore e magia”, conclusasi lo scorso 3 febbraio, che ha accolto 46.908 visitatori.
In questo caso verrà proposto un corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista e i suoi stretti legami con la Normandia.

Il movimento impressionista

Furono gli acquarellisti inglesi come Turner e Parkes che, attraversata la Manica per abbandonarsi allo studio di paesaggi, trasmisero la loro capacità di tradurre la verità e la vitalità naturale ai pittori francesi.
Gli Inglesi parlarono della Normandia, della sua luce, delle sue forme ricche che esaltano i sensi e l’esperienza visiva. Luoghi come Dieppe, l’estuario della Senna, Le Havre, la spiaggia di Trouville, il litorale da Honfleur a Deauville, il porto di Fécamp – rappresentati nelle opere in mostra a Palazzo Mazzetti – diventarono fonte di espressioni artistiche di grande potenza, dove i microcosmi generati dal vento, dal mare e dalla bruma possiedono una personalità fisica, intensa ed espressiva, che i pittori francesi giunsero ad afferrare dipingendo en plein air dando il via così al movimento impressionista.
Sul palcoscenico di questa terra, culla dell’Impressionismo, pittori come Monet, Renoir, Delacroix e Courbet – in mostra insieme a molti altri – colsero quindi l’immediatezza e la vitalità del paesaggio imprimendo sulla tela gli umori del cielo, lo scintillio dell’acqua e le valli verdeggianti.

Le opere presenti

La mostra, curata da Alain Tapié, ripercorre infatti le tappe salienti della corrente artistica. Tra i capolavori presenti, “Falesie a Dieppe” (1834) di Delacroix, “La spiaggia a Trouville” (1865) di Courbet, “Camille sulla spiaggia” (1870) e “Barche sulla spiaggia” di Étretat (1883) di Monet, “Tramonto, veduta” di Guernesey (1893) di Renoir. Tutte opere che raccontano gli scambi, i confronti e le collaborazioni tra i più grandi dell’epoca che – immersi in una natura folgorante dai colori intensi e dai panorami scintillanti – hanno conferito alla Normandia l’immagine emblematica della felicità del dipingere.
Il progetto espositivo si concentra sul patrimonio della Collezione Peindre en Normandie, una delle più rappresentative del periodo impressionista, accanto a opere provenienti dal Musée Alphonse-Georges-Poulain di Vernon, dal Musée Marmottan Monet di Parigi e dalla Fondazione Bemberg di Tolosa.

Il commento di Mario Sacco

«Sulla scia dello strepitoso successo ottenuto con la mostra “Chagall. Colore e magia” – dichiara Mario Sacco, presidente della Fondazione Asti Musei – prosegue il proprio percorso, unitamente al Comune di Asti e alla Regione Piemonte, per consentire ad Asti di ergersi a città internazionale della cultura. La mostra approda a Palazzo Mazzetti dopo aver fatto tappa negli Stati Uniti, in Giappone, in Croazia, in Slovenia, in Polonia, in Germania e nei Paesi scandinavi e baltici. E’ quindi un onore e un orgoglio, per la nostra città, ospitare un’esposizione di altissimo valore artistico e culturale».

I promotori

La mostra è realizzata dalla Fondazione Asti Musei, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, dalla Regione Piemonte e dal Comune di Asti, in collaborazione con Ponte – Organisation für kulturelles management GMBH. E’ organizzata da Arthemisia con la partecipazione del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

Orari e biglietti

La mostra sarà visitabile a Palazzo Mazzetti (corso Alfieri 357) dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19 (la biglietteria chiuderà un’ora prima).
Biglietti: intero 13 euro; ridotto 10 euro; altre riduzioni per scolaresche e gruppi di adulti. Possibilità di laboratori didattici scolastici ed extrascolastici.
Per ulteriori informazioni: 0141/530403, www.astimonet.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente