La Nuova Provincia > Economia e scuola > Cgil, riaperti al pubblico gli uffici di Asti e delle sedi in provincia
Economia e scuola Asti -

Cgil, riaperti al pubblico gli uffici di Asti e delle sedi in provincia

Ci si può rivolgere per la tutela collettiva garantita dalle federazioni sindacali e per le pratiche fiscali, vertenziali e di patronato

Riaperti gli uffici della Cgil di Asti

Fase 2 dell’emergenza Covid-19 anche per la Cgil. La Camera del Lavoro di Asti ha infatti riaperto gli uffici al pubblico ad Asti, nella sede centrale di Piazza Marconi 26, e nelle sedi periferiche di Canelli (via D’Azeglio 23), Nizza Monferrato (via Pistone 119) e Villanova (Largo Cavour 32), oltre che nelle sedi cittadine del sindacato pensionati.
Gli uffici, posti in sicurezza nel rispetto delle nuove normative di prevenzione del contagio, sono aperti agli iscritti, e a tutti i cittadini, per le consuete pratiche fiscali (modello 730, Isee), vertenziali o di patronato (pensioni, infortuni anche da Covid19, sostegno al reddito); e per la tutela collettiva garantita dalle federazioni sindacali. Sul sito web del sindacato (www.asticgil.it) si trovano orari e contatti aggiornati, con la possibilità di prenotare un appuntamento.

Le parole del segretario generale Quagliotti

«Nei mesi scorsi, nonostante la drammaticità della crisi che stavamo vivendo, il nostro sindacato ha cercato di garantire con ogni mezzo la propria vicinanza ai lavoratori e ai pensionati – afferma il segretario generale della Cgil di Asti, Luca Quagliotti – di fatto senza mai fermarsi. Attraverso computer e telefoni siamo stati al fianco di chi cercava un sostegno nel pieno della pandemia e ora, finalmente, riapriamo i nostri uffici. Forniremo i nostri servizi di tutela individuale sia via web che di persona, con modalità di accesso snelle che, ci auguriamo, saranno apprezzate da chi si affida al nostro sindacato per il rispetto dei propri diritti».
Si ricorda che per accedere agli uffici della Cgil è necessario indossare la mascherina e mantenere la distanza di almeno un metro dalle altre persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente