La Nuova Provincia > Economia e scuola > Confcommercio, consegnati buoni-libro a 96 studenti astigiani
Economia e scuolaAsti -

Confcommercio, consegnati buoni-libro a 96 studenti astigiani

L'iniziativa è promossa dagli Enti Bilaterali del Terziario e del Turismo, composti da rappresentanti dell'associazione commercianti e dei sindacati Cgil, Cisl e Uil

La consegna dei buoni libro

Si è svolta ieri (lunedì), presso la sede dell’Ascom Confcommercio, la consegna dei buoni-libro da parte dell’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario Asti (EBTTerziario), presieduto da Enrico Fenoglio, e dell’Ente Bilaterale Territoriale del Turismo Asti (EBTTurismo), guidato da Stefano Calella. Ovvero, gli Enti rappresentati dalla Confcommercio di Asti e dalle organizzazioni sindacali di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil.
L’iniziativa prevedeva l’attribuzione di 55 buoni da 200 euro per alunni di scuola media, 28 buoni da 250 euro a studenti di scuola superiore e 19 buoni da 500 euro ad universitari (in tutti i casi facenti parte di famiglie con lavoratori nei settori commercio e turismo) per un importo totale di 27.500 euro. In totale, per questa edizione sono stati erogati 96 buoni per un totale di 26.300 euro.

I commenti dei presidenti degli Enti Bilaterali

“Gli Enti Bilaterali del Terziario e del Turismo di Asti – hanno sottolineato il presidente dell’EBTTerziario, Enrico Fenoglio, e il presidente dell’EBTTurismo, Stefano Calella – si confermano come utile strumento alla sussidiarietà sociale poiché, grazie a queste prestazioni, riescono a sostenere le famiglie per alcune gravose spese come quelle per l’istruzione scolastica”.
“Da sottolinerare anche che l’intervento di oggi, insieme ad altre iniziative di sostegno al reddito familiare che i nostri Enti portano avanti da diversi anni – concludono – riveste natura anticiclica nell’attuale contesto assistenziale. Anche quest’anno è stata distribuita una cifra importante, spendibile come sempre presso gli esercizi della provincia convenzionati. Un ulteriore elemento di attenzione nei confronti degli operatori del commercio astigiano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente