La Nuova Provincia > Economia e scuola > La Douja d’Or vive il weekend conclusivo tra vini biologici e arte
Economia e scuola, Tempo libero Asti -

La Douja d’Or vive il weekend conclusivo tra vini biologici e arte

Da stasera a domenica gli ultimi giorni della manifestazione dedicata alle etichette piemontesi. In programma anche l'iniziativa "Invito a Palazzo"

Ultimo weekend della Douja d’Or

La Douja d’Or, manifestazione che quest’anno si è concentrata sui vini piemontesi, si appresta a vivere il weekend conclusivo.
In programma assaggi, degustazioni, masterclass, appuntamenti culturali e una riflessione, voluta da Piemonte Land of Perfection, sul rapporto tra vino, arte e comunicazione. Oggi (venerdì), alle 18 in piazza San Secondo (solo su invito), si terrà infatti l’evento “Let’s Talk: vino, arte e comunicazione” . Sarà una chiacchierata tra i protagonisti di @CantinaSocial, alcuni esponenti del giornalismo italiano, esponenti del mondo dell’arte e della comunicazione.
Sarà invece dedicato ai vini cru biologici l’appuntamento di domani (sabato), alle 18.30 nella Sala Platone del Municipio, con “Esperienze naturali tra Pellegrino Artusi e le vigne bio”. Si tratta di un percorso tra i vini cru biologici Astigiani (Grignolino d’Asti, Barbera d’Asti, Freisa d’Asti, Moscato d’Asti, Calosso Gamba di Pernice, Albarossa, Ruché di Castagnole Monferrato e Loazzolo) in abbinamento ad una specialità gastronomica preparata secondo Pellegrino Artusi (1820/1911), celebrando il bicentenario dalla nascita dell’autore del primo codice alimentare. La degustazione sarà guidata da Marco Arturi, giornalista del quotidiano La Repubblica.
L’evento, proposto dall’Associazione produttori di vino biologico, è un omaggio all’esperienza di Asti nel campo del vino biologico. E’ un Moscato d’Asti nel 1992, infatti, il primo vino biologico certificato in Italia. Tanto che ogni anno si svolge “Vinissage” – il Salone del vino biologico”, animato dai piccoli vignaioli bio piemontesi.
Il costo è di 15 euro. Prenotazioni al 329 2284049.
Infine, domani (sabato), si svolgerà l’iniziativa “Invito a Palazzo”: cittadini, turisti e appassionati potranno eccezionalmente visitare un palazzo storico normalmente chiuso, perché luogo di lavoro, ovvero la sede della Banca di Asti di piazza Libertà 23, con visite guidate gratuite in gruppi di 6 persone con partenza ogni 10 minuti tra le 10 e le 19, solo su prenotazione (per informazioni e prenotazioni 0141/393258).
Stesso programma di visite guidate gratuite anche a Palazzo Mazzetti, in corso Alfieri 357, sempre sabato, proprio in occasione dell’iniziativa.
Info e prenotazioni: 0141/530403.

Le degustazioni

In piazza San Secondo proseguono, da stasera a domenica 4 ottobre, dalle 18 alle 24, le “Degustazioni dei vini piemontesi” organizzate da Piemonte Land of Perfection, vetrina dell’intero territorio vinicolo regionale, con una selezione di vini provenienti da tutto il Piemonte da accompagnare con assaggi di prodotti Dop e Igp, tra cui formaggi, salumi e nocciole piemontesi e il Gorgonzola DOP. Le etichette in degustazione sono acquistabili presso la “Cantina della Douja”, sempre nello stesso stand. Degustazione vino: 3 o 4 euro a seconda della tipologia; assaggi prodotti Dop e Igp con una selezione di formaggi e salumi piemontesi proposti in abbinamento ai vini: 5 euro.
Nei giardini di Palazzo Alfieri, il Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato con la “Douja del Monferrato” continua a proporre in degustazione i grandi vini bianchi e rossi del territorio, in abbinamento ai sapori della tradizione piemontese. Un percorso sensoriale sviluppato partendo dai vini bianchi e bollicine fino ai vini rossi del Monferrato e alla “regina” dei vini piemontesi, la Barbera d’Asti docg.
Degustazioni: da 3 euro per una degustazione a 10 euro per 4 degustazioni; box sapori della tradizione 7 euro.
Ritorna a Casa dell’Asti, l’appuntamento, oggi (venerdì) e sabato, con il ristorante “AB – Il Lusso della semplicità” con in menu i piatti dello Chef Alessandro Borghese, Ambassador della denominazione, in abbinamento all’Asti spumante, in tutte le sue tipologie, e al Moscato d’Asti Docg. Domenica 4 ottobre il Consorzio dell’Asti Docg ripropone “AstiCocktail”: 3 cocktail a base Asti e Moscato d’Asti Docg in abbinamento alle tipicità alimentari del territorio dai salumi, ai formaggi, frutta e dolci. Cena al ristorante: 60 euro. AstiCocktail: 15 euro.
A Palazzo Ottolenghi, oggi (venerdì), proseguono le masterclass “La Douja del Vermouth”: in assaggio 5 prodotti in miscelazione (cocktail a base vermouth) o 5 vermouth in purezza con momenti di didattica e con il racconto di curiosi aneddoti sui cocktail proposti e sul ruolo del Vermouth nella storia del bere miscelato. Domani (sabato), sempre a Palazzo Ottolenghi, va in scena “Esperienza Vermouth” dalle 21 alle 23. Si tratta di un percorso alla scoperta di una delle eccellenze piemontesi, tra aneddoti e curiosità, pubblicità vintage e immagini d’epoca. Ogni partecipante – con erbe e spezie, tinture professionali, vino base, contagocce, imbuti – crea la propria ricetta segreta, da portare a casa in ricordo dell’esperienza. Assaggio 5 cocktail a base Vermouth, in diversi orari, 10 euro. Esperienza Vermouth: 30 euro (per informazioni e prenotazioni: info@esperienza.com).
Prosegue anche l’iniziativa “Menù della Douja, Piatto della Douja e Aperitivo della Douja”, che coinvolge oltre 110 ristoranti, agriturismi e bar di Asti e del Monferrato Astigiano. Menu della Douja: tra 30 e 70 euro vini esclusi; Piatto della Douja: 16 euro (calice di vino compreso); Aperitivo della Douja 7 euro.
Continuano infine i tour nel territorio segnalati dall’Ente Turismo Langhe, Monferrato, Roero e, a Palazzo Mazzetti, la mostra “Asti, città degli arazzi”, omaggio alle arazzerie Scassa e Montalbano, visitabile dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19 (chiusura biglietteria alle 18).

La masterclass sui passiti

Per quanto riguarda le masterclass l’ultimo appuntamento sarà domenica 4 ottobre, alle 18 nel ridotto del Teatro Alfieri, organizzato dal consorzio Piemonte Land of Perfection. Si parlerà de “I passiti” (Moscato, Brachetto, Erbaluce), con un focus sulle uve che più si adattano al processo di appassimento in grado di esaltarne le peculiarità.
Costo di partecipazione: 15 euro. Prenotazioni su www.doujador.it.

Elisa Ferrando

Articolo precedente
Articolo precedente