La Nuova Provincia > Economia e scuola > Risparmiare sulla benzina si può: ecco come
Economia e scuolaAsti -

Risparmiare sulla benzina si può: ecco come

Qualcuno pensa che risparmiare sulla benzina sia impossibile, ma in realtà bastano piccoli accorgimenti

Il prezzo della benzina in Italia è fra i più cari d’Europa. L’elevato costo del carburante si ripercuote negativamente sulla vita dei cittadini. Alcune persone pensano che risparmiare sulla benzina sia impossibile, ma in realtà bastano dei piccoli accorgimenti per risparmiare, anche notevolmente, sulla spesa per il carburante. Di seguito maggiori informazioni.

Il prezzo della benzina in Italia

In Italia il prezzo medio della benzina per litro è pari a 1,60 €, mentre il diesel si aggira all’incirca su 1,40 euro al litro. Il prezzo della benzina è determinato da tre fattori: il prezzo del greggio, le accise (tasse sulla benzina) e l’IVA. Il costo del petrolio greggio è determinato dall’agenzia specializzata Platts. Esso incide, però, in misura minima sul costo del carburante. Questo è per lo più determinato dalle cosiddette accise, che nel caso della benzina, pesano per il 63% sul costo totale. Se il prezzo della benzina, come abbiamo visto, è in media pari a 1,60 €, in realtà questo valore varia a seconda della regione. La Liguria, il Molise, la Calabria e la Basilicata sono le regioni più care, mentre le regioni dove la benzina costa meno sono il Veneto, l’Emilia-Romagna e l’Abruzzo. Per quanto riguarda gli altri Paesi europei, i prezzi sono più bassi rispetto all’Italia. In Spagna, per esempio, il costo si aggira a 1,33 €, per il Regno Unito si sale a 1,44 €, in Germania il costo è di 1,46 € e in Francia il prezzo della benzina è pari a 1,57 € al litro.

Come risparmiare benzina: consigli utili

Come si può fare per risparmiare carburante? Prima di tutto, ci si può rivolgere alla tecnologia, scaricando delle app in grado di vedere i prezzi aggiornati del carburante dei distributori di benzina più vicini. In secondo luogo, si possono privilegiare per percorsi brevi i mezzi di trasporto alternativi all’automobile, per esempio il trasporto pubblico oppure spostarsi in bicicletta. Perché è meglio non usare l’automobile per i tragitti brevi? Il motore quando è ancora freddo consuma una quantità di benzina superiore e questo incide negativamente sulle spese per la benzina.  Ciò che di più influisce sul consumo di benzina è, però, lo stile di guida. Seguendo i seguenti accorgimenti, si può arrivare a risparmiare fino al 30% sul costo di carburante:

  1. Mantenere una velocità moderata e il più possibile costante. Bisogna evitare uno stile di guida brusco, cioè non accelerare e poi frenare bruscamente perché porterebbe non solo ad un consumo maggiore di carburante ma anche all’usura di freni e pneumatici;
  2. Durante le soste, conviene spegnere il motore per sprecare meno benzina;
  3. Controllare regolarmente gli pneumatici almeno una volta al mese, perché più gli pneumatici sono sgonfi, maggiore sarà la superficie di attrito con la strada;
  4. Mantenere il motore a un basso regime di giri, ma cambiare la marcia quando necessario;
  5. Pulire regolarmente il filtro dell’aria per evitare dispersioni di carburante e cambiare regolarmente l’olio;
  6. Guidare con i finestrini chiusi ed evitare l’uso del climatizzatore o dell’impianto di riscaldamento dei sedili. Se proprio è necessario usarlo a causa del caldo, è meglio non farlo per periodi prolungati;
  7. Evitare di portare carichi troppo pesanti ed inutili, che possono incidere fino al 40% sul costo della benzina;
  8. Pagare il carburante sempre usando dei sistemi di pagamento tracciabili, così da usufruire delle detrazioni previste. Un valido sistema di pagamento sono le carte prepagate di Soldo, utile in modo particolare per le aziende che hanno veicoli aziendali. 

Un ultimo accorgimento per risparmiare carburante è comprare un’auto che sia moderna ed efficiente. Sulle riviste tecniche dedicate al mondo delle automobili è spesso indicato il consumo orientativo al litro, oltre ai dettagli tecnici e alle possibilità di personalizzazione. Se possibile, meglio optare per un’auto ibrida o elettrica, che sono più eco-friendly e nello stesso tempo garantiscono un risparmio notevole sulle spese per il carburante.

2 Commenti

  • Massimo ha detto:

    Basterebbe rispettare i limiti di velocità. Percorro la tangenziale attorno ad Asti ogni giorno e sono quasi l’unico a procedere entro i limiti dei 90k/h nonostante la presenza dei cartelli di controllo elettronico della velocità. Tutti ci lamentiamo ma nessuno alza il piedino dall’acceleratore.

  • gabriele ha detto:

    “Un ultimo accorgimento per risparmiare carburante è comprare un’auto che sia moderna ed efficiente”: ah aha ah, questa si che fa ridere… chi ve l’ha suggerita, Maurizio Crozza? Averceli i soldi per comprare la macchina nuova… è come dire che un accorgimento per tenere in buono stato il tetto della casa, è comprarsi una casa nuova… ah aha ah!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente