La Nuova Provincia > Economia e scuola > Servizio sociale, ecco il collettivo degli studenti
Economia e scuolaAsti -

Servizio sociale, ecco il collettivo degli studenti

Da venerdì 15 novembre una nuova iniziativa organizzata dal gruppo di universitari del Polo astigiano

Il Cuass

Un gruppo di studenti del corso di laurea in Servizio sociale impegnato a partecipare attivamente alla vita del Polo universitario astigiano, incrementandone iniziative e attività.
Parliamo del Cuass (Collettivo universitario Asti servizio sociale), fondato nei mesi scorsi e composto attualmente da 16 membri.

Finalità del gruppo

A spiegarne composizione e obiettivi la rappresentante, Denise Sandri.
«In qualità di ex rappresentante degli studenti – racconta – mi sono occupata, fino allo scorso ottobre, di raccogliere impressioni e problematiche riscontrate dagli studenti del corso di laurea in Servizio sociale che dipende dall’Università del Piemonte orientale di Alessandria. Dopodiché, insieme ad altri studenti, mi è venuto in mente di fondare un collettivo, il primo a nascere presso il Polo universitario astigiano, per organizzare iniziative ed eventi legati alla nostra formazione universitaria, oltre che per partecipare a manifestazioni di vario tipo come gruppo. Nonostante il corso di laurea sia frequentato da studenti di età molto eterogenea (dai 20 ai 50 anni), abbiamo notato interesse verso questa opportunità da parte degli iscritti più giovani»
«Grazie alla disponibilità dei professori e della presidente del corso, Chiara Bertone – continua – nei mesi scorsi abbiamo organizzato alcuni seminari sul decreto sicurezza, tematica inerente il corso di Analisi dei processi migratori, e partecipato alle manifestazioni legate all’8 marzo e all’emergenza climatica. Questa settimana si terrà, invece, una nuova iniziativa».

Il nuovo ciclo di seminari

Si tratta di un ciclo di tre seminari su temi diversi, aperti a tutti con ingresso libero presso il Polo universitario astigiano di piazzale De André, sempre dalle 16.30 alle 18.
Il primo incontro sarà venerdì 15 novembre. Intitolato “L’immagine dell’immigrazione: rappresentazione mediatica dei migranti”, vedrà come relatore Andrea Pogliano, docente di Sociologia della comunicazione all’Università del Piemonte orientale.
Il secondo incontro, dal titolo “Fuga dai cambiamenti climatici?”, si terrà mercoledì 20 novembre e tratterà il tema dell’impatto dei mutamenti del clima rispetto alle migrazioni. Ad intervenire Maria Perino, docente di Analisi dei processi migratori all’Università del Piemonte orientale.
Infine, venerdì 29 novembre, l’ultimo seminario dal titolo “Oltre la patologizzazione: che relazione intercorre tra violenza e maschilità? Progetto umano”.
Si approfondirà il tema della relazione tra violenza e maschilità oggi e della progettazione di interventi di aiuto del servizio sociale, tutti argomenti legati alla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che cadrà il 25 novembre.
Relatori saranno Chiara Bertone, docente di Sociologia della famiglia all’Università del Piemonte orientale; Cristina Gai, assistente sociale responsabile presso il Comune di Asti; Alberto Accomasso, assistente sociale presso il Comune di Asti; Monica Masoero e Silvia Cussotto, psicoterapeute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente