Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/avviata-dallinps-la-campagnabrdi-verifica-dei-redditi-56e6896de2e891-nkikji4aj3pahzscpa9hq4n63z2p1n2oeootkuyqvc.jpg" title="Avviata dall’Inps la campagna
di verifica dei redditi" alt="Avviata dall’Inps la campagnadi verifica dei redditi" loading="lazy" />
Economia

Avviata dall’Inps la campagna
di verifica dei redditi

L'Inps ha avviato la campagna 2014 per la verifica dei redditi e del diritto alle prestazioni assistenziali. La verifica consiste nell'inviare il cosiddetto "Bustone" per la

L'Inps ha avviato la campagna 2014 per la verifica dei redditi e del diritto alle prestazioni assistenziali. La verifica consiste nell'inviare il cosiddetto "Bustone" per la richiesta delle dichiarazioni relative alla situazione reddituale e/o delle dichiarazioni di responsabilità relative ai requisiti per il diritto alle prestazioni assistenziali.

Il plico contiene, a seconda delle situazioni personali e delle dichiarazioni richieste, i seguenti documenti: lettera di presentazione, diversificata per i residenti in Italia e all'estero, con una breve informativa sui servizi online a disposizione del cittadino; modello Red italiano o estero, con le relative istruzioni per la compilazione; modello 503 AUT, per i residenti in Italia le cui pensioni siano assoggettabili alla trattenuta per lavoro autonomo; richiesta di integrazione delle informazioni relative alla campagna Red 2012, per coloro i cui dati reddituali trasmessi dall'Agenzia delle Entrate per l'anno 2011 non sono risultati sufficienti a consentire la verifica di tutte le prestazioni; modelli di dichiarazione per i titolari di provvidenze economiche di invalidità civile, relativamente ad eventuali periodi di ricovero gratuito/frequenza e all'eventuale svolgimento di attività lavorativa.

Ogni richiesta reca la data entro la quale deve essere restituita la dichiarazione. Diverse le modalità con cui i cittadini potranno inviare le dichiarazioni. Per quanto riguarda i residenti in Italia si può sfruttare il sito internet dell'Ente previdenziale, ma bisogna essere in possesso del codice Pin rilasciato dall'istituto, accedendo alla sezione servizi online – Servizi per il cittadino e selezionando la voce di interesse (dichiarazione reddituale opzione anno 2013, dichiarazione reddituale opzione anno 2012, dichiarazione di responsabilità, ovvero modelli ICRIC, ICLAV, ACC.AS/PS).

In alternativa, ci si può rivolgere ad intermediari abilitati. In coda a ciascun modello, infatti, è stato inserito il relativo codice a barre, da utilizzare per la trasmissione delle dichiarazioni tramite gli intermediari che forniscono assistenza gratuita e provvedono ad acquisire e trasmettere all'Inps in formato elettronico le informazioni richieste. Per quanto riguarda i residenti all'estero, invece, il modulo può essere trasmesso all'Inps avvalendosi dell'assistenza gratuita di un Patronato riconosciuto dalla legge, oppure compilato e spedito, insieme alla documentazione richiesta, alla sede Inps che gestisce la pensione.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale