Carrozzieri contro le assicurazioni auto
Economia

Carrozzieri contro le assicurazioni auto

Giù le mani dai carrozzieri. E' il grido lanciato dagli esponenti del settore che aderiscono alla Confartigianato di Asti, contro la recente normativa, che regolamenta i risarcimenti

Giù le mani dai carrozzieri. E' il grido lanciato dagli esponenti del settore che aderiscono alla Confartigianato di Asti, contro la recente normativa, che regolamenta i risarcimenti assicurativi, per danni ai veicoli, in caso di sinistro. Proprio per illustrare le ragioni della protesta contro "l'ennesimo colpo di mano della lobby delle assicurazioni," i carrozzieri hanno tenuto venerdì una conferenza stampa, presso la sede della Confartigianato.

Nell'occasione, dunque, sono stati al centro dell'intervento i motivi di dissenso riguardante la riforma dell'Rc auto, prevista all'articolo 8 del decreto legge 145/13, denominato "Destinazione Italia" ed entrato in vigore il 24 dicembre scorso. Secondo la categoria, infatti, il decreto contiene "alcune disposizioni fortemente negative per il settore e lesive, nella fattispecie, per le cosiddette carrozzerie indipendenti rispetto invece a quelle convenzionate, con il rischio, inoltre che per il cliente il servizio finale non sia sufficientemente adeguato." Nello specifico, i carrozzieri contestano la misura, del suddetto decreto, che rende obbligatoria, nei fatti, la "forma specifica" circa il risarcimento dei danni ai veicoli incidentati.

In pratica, le nuove norme impongono di fare riparare il veicolo, in caso appunto di sinistro, esclusivamente dalle officine di carrozzeria convenzionate con le assicurazioni e pagate direttamente da queste ultime. "In questo modo -? sostengono i carrozzieri di Confartigianato ?- si rischia di fare chiudere migliaia di carrozzerie indipendenti, che non operano in convenzione con le assicurazioni. In altre parole, si impedirebbe ai cittadini di esercitare la libera scelta di essere risarciti in denaro e di farsi riparare l'auto dall'officina di propria fiducia."

m.z.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo