Gli enti non ti ascoltano? Eccoil numero verde cui chiedere aiuto
Economia

Gli enti non ti ascoltano? Ecco
il numero verde cui chiedere aiuto

Sono un gruppo di cittadini che lavorano concretamente per migliorare la città, soprattutto a livello di decoro e pulizia per coprire le lacune degli Enti pubblici e rimediare alla maleducazione

Sono un gruppo di cittadini che lavorano concretamente per migliorare la città, soprattutto a livello di decoro e pulizia per coprire le lacune degli Enti pubblici e rimediare alla maleducazione della gente.
Parliamo degli oltre 200 membri del gruppo "Dalla parte degli Astigiani", alcuni dei quali hanno presentato nei giorni scorsi, presso un banchetto appositamente allestito sotto i portici Anfossi, la loro ultima iniziativa: un numero verde a disposizione di tutti i cittadini che hanno un problema e non sanno, o non hanno i mezzi, per risolverlo.

«Questa nuova iniziativa ?- spiega Biagio Riccio, presidente provinciale di Confartigianato e componente del gruppo -? è nata per non disperdere ciò che i membri del gruppo hanno fatto in passato gratuitamente a favore del prossimo, dalla pulizia dei parchi allo sfalcio dell'erba alta in aree pubbliche». A confermare le attività svolte Maurizio Finotto, Mario Paracchino e Luca Nardi, ex attivisti del Movimento 5 Stelle. «Lo scorso gennaio -? ricorda -? abbiamo pulito il parcheggio pubblico in ghiaia nei pressi dell'ospedale, togliendo 10 metri cubi di rifiuti. Successivamente siamo intervenuti nel Bosco dei Partigiani, togliendo circa 100 siringhe buttate dai tossicodipendenti e riempiendo otto sacchi grandi dell'immondizia con rifiuti di vario tipo. E queste sono solo alcune delle iniziative che abbiamo svolto autonomamente, a nostre spese».

I componenti più attivi dell'associazione, circa 30, si trovano tutti i martedì alle 20.30 al Circolo dipendenti comunali di via del Bosco 10, e circa tre settimane fa hanno avviato una nuova iniziativa: il numero verde 800 978 421, attivo dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. «Grazie alla consulenza di Confartigianato ?- ha precisato Riccio -? cerchiamo di aiutare le persone che ci chiamano, dato che noi siamo pronti ad ascoltare tutti. In queste prime settimane abbiamo ricevuto numerose telefonate, soprattutto di persone disoccupate, appena licenziate o che hanno problemi di invalidità. Insomma, siamo dei semplici cittadini che si mettono a disposizione per cercare di aiutare chi è in difficoltà o unirsi a coloro che volgiono migliorare il territorio. Riguardo a questo secondo punto ricordo che siamo pronti ad ascoltare chi avesse progetti».

Nessun interesse ad entrare in politica o a proporsi per le prossime elezioni, quindi? «Ripeto: siamo dei semplici cittadini impegnati in modo concreto sul territorio», conclude Riccio. «Le prossime elezioni sono lontane, vedremo a livello di gruppo come comportarci».

e.f.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo