Douja d'Or 2022 1
Economia
Galleria 
Evento

Douja d’Or, taglio del nastro accompagnato dalla Bandakadabra

Avviata stasera la manifestazione enologica in programma fino al 18 settembre in piazze e palazzi del centro storico

Ha aperto i battenti stasera (venerdì) la Douja d’Or, la manifestazione enologica che animerà il centro storico di Asti fino a domenica 18 settembre. Il taglio del nastro è avvenuto a Palazzo Borello, sede astigiana della Camera di Commercio Alessandria-Asti, dopo gli interventi istituzionali e la tavola rotonda “Dall’agricoltura all’industria e dai servizi al turismo: dibattito sulla filiera allargata del vino”.

Gli interventi

“Sono molto felice – ha esordito il sindaco Maurizio Rasero – che oggi si possa inaugurare la nostra Douja d’Or. Ho usato questo aggettivo perché è una manifestazione del territorio, fondamentale nell’ambito del Settembre astigiano che sta riprendendo poco alla volta i suoi colori. Una manifestazione che consente di riempire di contenuti un territorio apprezzato sia per il paesaggio sia per il patrimonio artistico e architettonico che lo caratterizza, come dimostrano i turisti che hanno visitato, e continuano a visitare in questi giorni, Asti e dintorni”.Soddisfazione per l’avvio della manifestazione è stata espressa anche dal vice presidente della Regione Fabio Carosso e dall’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi, mentre Mario Sacco, presidente della Fondazione Asti Musei e della Fondazione CrAsti, ha ricordato l’importanza per il territorio di avere “un sistema di Istituzioni che collaborano per valorizzarlo, partendo dal presupposto che il vino non è soltanto fondamentale sul piano economico, ma rappresenta anche una ricchezza a livello storico, turistico e culturale”.

Le parole del presidente Coscia

Al presidente della Camera di  Commercio Alessandria-Asti, Gian Paolo Coscia, il compito di delineare il contesto imprenditoriale delle due province in cui si inserisce la manifestazione.
“Sono convinto – ha affermato – che il vino debba essere sempre più il volano del territorio, dato che è la motrice che traina tutti i vagoni dell’economia”. Dopodiché ha fornito alcuni dati per fotografare la situazione attuale. E’ emerso che nelle province di Alessandria e Asti sono iscritte al Registro delle imprese 64.500 aziende, di cui il 36% in provincia di Asti, con un calo rispetto al 30 giugno 2021 di 600 unità. Calo  che si riflette anche sull’occupazione, che conta  170.700 occupati, con una diminuzione di 700 unità rispetto al giugno 2021. Le imprese vitivinicole sono 4.662, per una superficie coltivata a vite pari a 24.572 ettari (di cui il 57% in provincia di Asti).
“Abbiamo i numeri e le potenzialità per crescere”, ha evidenziato. “E se, come Camera di Commercio, dopo due anni difficilissimi siamo riusciti ad organizzare la Douja d’Or  tornando alla formula pre-pandemia – ha continuato – è grazie all’impegno e all’entusiasmo nostro e di tutti i partner: Comune di Asti, Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, Consorzio dell’Asti spumante e del Moscato d’Asti Docg, associazioni di categoria, consorzio Piemonte Land of Wine, Fondazione Asti Musei, Banca di Asti e Fondazione CrAsti”.A queste parole si è collegato Filippo Mobrici, vice presidente di Piemonte Land of Wine e presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, che ha ringraziato i viticoltori, “cui va il nostro plauso”. Sottolineando, poi, che “il Monferrato è una delle poche zone al mondo caratterizzate da un’ampia estensione e da una elevata varietà di vitigni. Una zona inserita in un contesto regionale altrettanto importante, in quanto il Piemonte conta 60 tra Doc e Docg”.

Il taglio del nastro e il brindisi

A seguire il taglio del nastro con le autorità e il percorso, accompagnato dalle note della Bandakadabra, verso piazza San Secondo per il brindisi inaugurale. La piazza è, infatti, uno dei luoghi della Douja d’Or accanto a Palazzo Alfieri (corso Alfieri 375), Palazzo Ottolenghi (corso Alfieri 350) e Cascina del Racconto (via Bonzanigo 56), dove da stasera sono in programma degustazioni ed eventi.
Per saperne di più sul salone clicca qui.

Photogallery a cura di Agostino Santangelo e Maria Grazia Billi

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo