L'università seleziona dieci imprese "green"
Economia

L'università seleziona dieci imprese "green"

Scade il 31 gennaio il termine entro cui si può partecipare al bando "Asti città green". Pubblicato dall'Università di Asti, è volto a selezionare dieci imprese da insediare

Scade il 31 gennaio il termine entro cui si può partecipare al bando "Asti città green". Pubblicato dall'Università di Asti, è volto a selezionare dieci imprese da insediare nell'omonimo incubatore. In sostanza, l'ateneo si impegna a fornire, alle dieci imprese o agli aspiranti imprenditori selezionati, una postazione presso i locali dell'ateneo, servizi di consulenza, formazione e tutoraggio per avviare o consolidare l'impresa.

Possono partecipare imprese create e gestite da giovani imprenditori piemontesi di età inferiore ai 35 anni; imprese che hanno l'unità locale attiva nel Registro delle imprese della Camera di Commercio di Asti; giovani aspiranti imprenditori piemontesi di età compresa tra i 18 e i 35 anni. L'attività economica non deve essere tecnologica, ovvero deve caratterizzarsi per un approccio innovativo, creativo e di valore aggiunto in riferimento alle vocazioni del territorio. Vocazioni che rimandano ad ambiti caratterizzati da tecnologia bassa o assente, come il settore dell'enogastronomia, dei prodotti tipici, del turismo e della cultura, del benessere, della green economy (intesa in senso ampio, sostenibile e non esclusivo), del welfare locale e della gestione dei beni e delle tradizioni locali.

Sul tema è previsto un incontro, mercoledì, in cui il presidente del consorzio Astiss, Michele Maggiora, insieme al direttore, Francesco Scalfari, illustreranno i contenuti della selezione. All'incontro, in programma alle 9.30 nella sede dell'ateneo, sono invitati, oltre agli Enti che compongono il consorzio, le associazioni datoriali e imprenditoriali, le associazioni di categoria, gli ordini professionali, l'Ufficio scolastico territoriale e i sindacati. Per informazioni sul bando: segreteria@uni-astiss.it, innovazione@lamoro.it, www.uni-astiss.it

e. f.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale