Nell’ex Biblioteca Informagiovani e start up
Economia

Nell’ex Biblioteca Informagiovani e start up

I nuovi locali ospiteranno quindi l’Informagiovani, formato da reception e salone utile a tutti coloro che usufruiscono dei servizi offerti, collocati su piani distinti. Accanto, un secondo salone dedicato al co-working, con le otto postazioni per i giovani che hanno avviato il loro percorso di creazione d’impresa

Slittata a giovedì 1° giugno alle 18, invece che mercoledì 31 maggio, l’inaugurazione dei nuovi locali comunali dedicati ai giovani nell’ex sede della Biblioteca astense in via Goltieri. Sede che ospiterà sia il servizio Informagiovani, attualmente in piazza Roma 8, sia il nuovo spazio dedicato al co-workig pubblico in ambito enogastronomico e turistico, volto ad aiutare i giovani (tra i 18 e i 35 anni) a sviluppare un’idea imprenditoriale tramite un apposito percorso di accompagnamento.

I nuovi locali ospiteranno quindi l’Informagiovani, formato da reception e salone utile a tutti coloro che usufruiscono dei servizi offerti, collocati su piani distinti. Accanto, un secondo salone dedicato al co-working, con le otto postazioni per i giovani che hanno avviato il loro percorso di creazione d’impresa.

«Il salone – spiega l’assessore comunale all’Istruzione, Marta Parodi – sarà dotato di moderne tecnologie, tra monitor, pc e video, abbinate agli arredi recuperati da Palazzo Ottolenghi e restaurati dai ragazzi delle Scuole tecniche San Carlo, partner del progetto. Il salone è dotato anche di un cortile, che si presta ad essere utilizzato in vari modi, ovviamente anche dall’Informagiovani. Il salone sarà diviso in uno spazio di formazione con monitor e sedie, area relax e otto postazioni (dotate di scrivania con computer, collegamento internet, stampante, fotocopiatrice, cassettiera e scaffale archivio, ndr). Insomma, con questo progetto abbiamo posto le basi per la creazione di un nuovo centro comunale dedicato ai giovani».

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale