"Nessuno ci ascolta, crisi gravissima"I costruttori in piazza san Secondo
Economia

"Nessuno ci ascolta, crisi gravissima"
I costruttori in piazza san Secondo

«Nessuno ci ascolta!». Questo lo slogan della manifestazione volta a denunciare lo stato di crisi molto grave in cui versa il settore delle costruzioni, in programma sabato alle 9 in piazza San

«Nessuno ci ascolta!». Questo lo slogan della manifestazione volta a denunciare lo stato di crisi molto grave in cui versa il settore delle costruzioni, in programma sabato alle 9 in piazza San Secondo.
A promuoverla il Gruppo costruttori edili dell’Unione industriale, Confartigianato e Cna. Interverranno infatti Paola Malabaila, presidente dell’Unione industriale; Luciano Mascarino, capogruppo dei Costruttori edili dell’Unione industriale; Biagio Riccio, presidente provinciale di Confartigianato; Annunziato Pontarelli, presidente degli Artigiani edili di Confartigianato. Infine, per la Cna interverranno il direttore Giorgio Dabbene e il presidente degli artigiani edili Fabiano Baù.

«Sarà una manifestazione – annuncia Mascarino – volta a ricordare alla cittadinanza (ragion per cui si svolgerà nel centro cittadino), i mille posti di lavoro persi dall’edilizia astigiana nell’ultimo anno a causa della sordità di tutti i politici. Certo, la crisi economica esiste, ma noi pensiamo che, se associazione di categoria ed Enti pubblici lavorassero insieme, potrebbero trovare soluzioni condivise che potrebbero portare subito vantaggi concreti. Certo, da una parte è necessario e urgente l’intervento del Governo, in primo luogo per allentare il Patto di stabilità che strangola i Comuni e non consente di avviare opere pubbliche. Dall’altra si potrebbero ottenere miglioramenti anche a livello locale. Basterebbe, ad esempio, che gli Enti pubblici redigessero bandi di gara d’appalto che privilegiassero il lavoro delle imprese astigiane, ovviamente nel rispetto delle regole, per dare un po’ di ossigeno alla nostra economia».

e. f.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale