Economia

Turismo, unico settore in crescita
E i viaggiatori si organizzano online

Presentati i dati sui flussi turistici nell'Astigiano nell'ambito di un programma strategico regionale che si pone come obiettivo una riqualificazione per il 2015. Fra le criticità vi è la frammentazione in categorie e sottocategorie di tutti gli attori che operano nel settore. Servono più specializzazione, più formazione, canali multimediali diffusi ed analisi precisi della clientela attuale in modo da soddisfare le sue aspettative prima di andare a cercarne di nuova.

Non saremo più provincia, ma questo non basta per perdere la nostra identità territoriale. Soprattutto se questa stessa identità dovrà essere “venduta” ai turisti. Con la parola d’ordine “aggregazione”, ieri mattina, assente l’annunciato assessore Cirio, la Regione ha presentato i primi passi del programma strategico del turismo da qui al 2015, anno dell’Expò di Milano e del bicentenario della nascita di Don Bosco. Un incontro fra “tecnici” incaricati dalla Regione e le amministrazioni e gli operatori a vario titolo interessati al turismo. E i numeri confermano che per il Piemonte, Asti compreso, quello del turismo è l’unico settore in crescita costante negli ultimi dieci anni con un +41% nella nostra provincia che equivale ad un aumento del 32% di arrivi. L’Astigiano soffre ancora di “stagionalità” del turismo, con picchi da giugno a novembre e bassissima attività nel resto dell’anno.

Le nostre strutture ricettive sono di dimensioni medio-piccole e la media di durata della permanenza non arriva a due giorni e mezzo contro i 3 di media regionale. Anche la spesa media pro capite al giorno è di 81 euro, un po’ sotto quello che si spende nel resto del Piemonte. Un altro dato importante riguarda un forte calo dell’intermediazione classica di agenzie e tour operator per i flussi verso l’Astigiano a favore di un aumento dei pacchetti “fai da te” decisi e programmati soprattutto verso le eccellenze agroalimentari e on line. E questo è un dato che fa riflettere, ha sottolineato la direttrice di Piemonte Turismo Maria Elena Ricci, perchè significa lavorare molto sui canali di comunicazione multimediali attraverso i quali viaggiano le scelte dei turisti. Che nell’Astigiano sono per metà italiani e per l’altra metà stranieri in arrivo da Germania, Francia, Benelux, Svizzera.
I prodotti turistici da “vendere” sono l’enogastronomia, arte e castelli, sagre ed eventi, attrazioni religiose, ciclo e mototurismo.

Pre aumentare la competività di tutti gli operatori del settore, ha invece spiegato il coordinatore del programma strategico Winteler, serve una forte cooperazione fra pubblico e privato, un’unione di intenti e obiettivi che deve superare l’insostenibile frammentazione di oggi di piccoli interessi di categoria, lo sviluppo del prodotto, la formazione, la riqualificazione dell’accoglienza e un forte impegno sulle nuove tecnologie, con l’obiettivo ambizioso di far diventare il Piemonte la prima regione interamente wi fi. Sempre Winteler ha sottolineato che il turismo non deve essere considerato come promozione, ma come un settore economico e produttivo a tutti gli effetti che necessita di scelte di tipo imprenditoriale.

Fra i suggerimenti dei presenti, quello importante di Don Egidio Dejana, rettore del Colle Don Bosco che chiede un tavolo costruttivo per "trasformare" il grande flusso di pellegrini in un circuito di turismo, seppure le permanenze siano molto limitate. Considerando che solo fra settembre ed ottobre, il Tempio del Colle Don Bosco ha registrato 78 mila visite. Il progetto regionale intende chiudere entro novembre le presentazioni nelle varie province, definire entro dicembre le linee guida e preparare il programma strategico entro febbraio del 2013.

Daniela Peira

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo