La Nuova Provincia > Palio > Palio di Asti: la protesta dei Comuni “relegati” a una sola corsa
PalioAsti -

Palio di Asti: la protesta dei Comuni “relegati” a una sola corsa

Al Palio di Asti la protesta dei Comuni che sono stati "relegati" a una corsa sola senza competere con i borghi cittadini

Dopo la vittoria di Baldichieri la protesta dei Comuni “declassati”

“Rispettiamo 700 anni di storia”, ma anche “1 Palio – 21 partecipanti – 1 vincitore” sono i due striscioni apparsi nel catino di piazza Alfieri al termine della corsa che ha decretato Baldichieri vincitore del Palio dei Comuni.

E’ la prima volta che il Palio di Asti conta due finali nello stesso giorno: una esclusiva per i borghi e i rioni cittadini, che inizierà a breve, e un’altra dedicata ai Comuni della provincia.

Una scelta, quella di separare rioni cittadini da Comuni extraurbani, che non è piaciuta ai diretti interessati e che, già da tempo, non hanno nascosto la loro protesta, oggi sfociata in una presa di posizione nel catino del Palio davanti a tutti gli spettatori.

I Comuni chiedono che già dal prossimo anno la corsa torni a seguire la tradizione, ma difficilmente il sindaco Maurizio Rasero e il Consiglio del Palio, deputato a decidere il regolamento, faranno un passo indietro.

2 Commenti

  • Gio ha detto:

    Mi domando solo perché il sindaco debba per forza cambiare le regole del Palio e pure dividere questa stupenda manifestazione. La giornalista Senese ha detto il giusto cioè che il nostro Palio è sempre stato bello così come era, perché cambiare.

  • llth ha detto:

    Anche di qui la stessa considerazione: estromettere i comuni è da codardi e vincere un palio del genere è vergogna. Ora, so benissimo quanto sia sempre stata elevata la rosicata dei rioni verso i comuni quando risultavano vincitori del palio, ma questa è la vera gara. Ripeto, lo dico da astigiana: no comuni, no palio vero. Ah, inoltre sarebbe anche il caso di levarsi dalle scatole la rosicata verso Siena, noi siamo diversi e tanto ci deve bastare, paragonarsi sempre a loro indica debolezza e insicurezza. Bravi i giornalisti di Rai 3 che hanno dato spazio alla protesta, un po’ meno quelli locali che hanno cercato in tutti i modi di nasconderla (vedi grp piemonte, manco 1 parola 1 sulla protesta).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente