Cerca
Close this search box.
Approvate le modifiche al regolamento del Palio
Sport

Approvate le modifiche al regolamento del Palio

Serata calda quella dello scorso venerdì al Consiglio del Palio, più per il clima "africano" della sala consigliare però che non per i temi trattati. All'ordine del giorno due

Serata calda quella dello scorso venerdì al Consiglio del Palio, più per il clima "africano" della sala consigliare però che non per i temi trattati. All'ordine del giorno due argomenti: l'approvazione delle modifiche (precedentemente discusse) al regolamento del Palio e la nomina di un esperto storico della manifestazione quale consulente del Consiglio. Le variazioni al regolamento, lette in apertura di seduta da Silvana Ferraris, hanno portato ad un confronto costruttivo tra i Rettori e l'ex Capitano Vespa, che ha esposto argomentazioni in merito pertinenti e lungimiranti, soprattutto riguardo ad un possibile svuotamento delle competenze decisionali del Capitano.

Rapidamente le variazioni più significative: Magistrati e Cavalieri, ossia i componenti del Gruppo del Capitano, saranno chiamati durante l'annata paliesca ad intrattenere rapporti continui con i vari Comitati. Le loro cariche potranno essere revocate dal Consiglio.
Rioni, Borghi e Comuni: chi occupa una carica specifica all'interno di un qualsiasi Direttivo non potrà assumere competenze dello stesso tipo in altri Comitati. Fantini di riserva: il numero degli stessi passa da sei a dieci. Relativamente invece all'iscrizione dei fantini titolari che prenderanno parte alla corsa, dovranno essere iscritti alla presenza del segretario generale o di un pubblico ufficiale entro le 11,30 della mattina del sabato in Comune. Seguirà la cerimonia della segnatura ufficiale a cura del Collegio dei Rettori.

La bardatura del cavallo (art. 42) consisterà esclusivamente nell'imboccatura, nel paraombra nasale orizzontale e nelle redini. Mossiere: avrà maggiori facoltà di richiamo. Estrapoliamo dall'articolo 52: "In caso di grave indisciplina da parte di uno o più fantini è data facoltà al mossiere di richiamarli ad alta voce. Al secondo richiamo ufficiale il concorrente è spostato in posizione arretrata ed esterna rispetto all'allineamento. Il fantino richiamato per due volte […] sarà squalificato per l'edizione successiva della corsa".

In caso di terzo richiamo la sanzione sarà immediata e il fantino dovrà scendere da cavallo ed essere sostituito da una riserva. Infine la variazione dell'articolo 64, riguardante il reclamo alle sanzioni attribuite dal Capitano e dal Magistrato del Palio. Andrà presentato non ai due organi menzionati, ma ad un Collegio costituito dal Sindaco, dall'assessore delegato al Palio (nuovamente il Sindaco) e dal dirigente del settore cultura, istituti culturali, manifestazioni e sport. Il reclamo dovrà pervenire al Collegio entro 10 giorni dalla decisione impugnata. La seduta si è chiusa con la nomina dello storico Gianluigi Bera quale esperto consulente del Consiglio del Palio. Sostituirà Elio Arleri.

Massimo Elia

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale