Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/asti-calcio-in-trasfertabra-bellinzago-in-cerca-del-riscatto-56e68ec2b1a2e1-nkij94qxdc81qj57h8o2ptwj3nmtb6ze162h9fpxu0.jpg" title="Asti Calcio in trasferta
a Bellinzago in cerca del riscatto" alt="Asti Calcio in trasfertaa Bellinzago in cerca del riscatto" loading="lazy" />
Sport

Asti Calcio in trasferta
a Bellinzago in cerca del riscatto

«Attenzione alle matricole terribili», questo il monito di Andrea Ciolli, leader difensivo dell'Asti Calcio impegnato domenica alle 14,30 sul terreno novarese dello Sporting Bellinzago. Del

«Attenzione alle matricole terribili», questo il monito di Andrea Ciolli, leader difensivo dell'Asti Calcio impegnato domenica alle 14,30 sul terreno novarese dello Sporting Bellinzago. Del resto la storia recente del girone A del campionato di serie D insegna che a vincere nelle ultime due stagioni siano sempre state delle matricole, il Bra nel 2012-13, la Giana Erminio nel 2013-14. A rendere ancor più insidiosa la trasferta del prossimo fine settimana per i galletti sarà la totale emergenza di formazione: squalificato Merito, infortunato il bomber Lo Bosco (che potrebbe già tornare domenica 9), non sarà facile per mister Nicola Ascoli trovare le giuste contromisure.

«Domenica scorsa abbiamo pareggiato un match che avremmo voluto e dovuto vincere. La condotta arbitrale è stata discutibile, è però anche giusto dire che non abbiamo certo disputato la nostra miglior partita. Proprio per questo mi aspetto un Asti col coltello tra i denti domenica, pronto a riscattare le ultime prestazioni e conquistare punti vitali», commenta Andrea Ciolli. Certo è che per l'Asti, senza Lo Bosco e Merito, non sarà facile far punti contro un avversario ambizioso come lo Sporting di Koetting: «Gli ultimi anni ci dicono che le squadre neopromosse con programmazione e ambizione sono difficilissime da superare, il Bellinzago ha un ottimo allenatore e una rosa di qualità. Mancheranno alcuni elementi importanti, la qualità di Loreto è arcinota, lo conosco da quando avevamo 13 anni e ha sempre fatto tanti gol. Siamo però un bel gruppo e sono convinto che potremo far bene», aggiunge lo stopper ex Pro Vercelli. In questo campionato basta un momento negativo per finire nelle secche: «La differenza tra le squadre è molto limitata, ci sono compagini come Cuneo e Acqui, sulla carta corazzate, che stanno faticando, regna l'equilibrio assoluto. Per far bene in questo torneo è fondamentale la continuità», la chiosa di Andrea.

L'avversario
Un antagonista difficile da superare per i galletti. Lo Sporting Bellinzago ha ottenuto la promozione lo scorso anno vincendo il girone A di Eccellenza e punta solitamente sul 4-3-1-2, che può diventare un 4-4-2 o un 4-3-3. In porta Gilardi, classe ?95 ex Torino Primavera, difesa formata da due stopper esperti come Tos e Ghidini (quest'ultimo molto bravo su azione di corner) e due terzini under. La mediana è il pezzo forte: a dare equilibrio e sostanza l'ex Derthona Montingelli, un giovane come Zurlo sul centro-sinistra e la qualità e la pericolosità sotto porta di Rossi sul centro destra. Il compito del trequartista viene solitamente affidato a Rebecchi, ex Real Vicenza in D e Lega Pro, elemento di classe purissima. L'attacco convince a metà: la garanzia è Massaro, bomber del campionato di Eccellenza negli ultimi anni, il suo partner è l'alterno Mazzini, oggetto misterioso nel Tortona Villalvernia in paio di stagioni fa, bomber solido dell'Inveruno nel passato campionato. Che vinca il migliore.

Davide Chicarella

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale