IMG_6993
Sport

Asti riabbraccia Giancarlo Antognoni

Grande successo per l’iniziativa promossa dall’Amministrazione con ospite il campione del mondo del 1982

Asti riabbraccia Giancarlo Antognoni

Ha riscosso un ottimo successo di pubblico, sabato sera nell’aula magna del Polo Universitario Uni-Astiss, la presentazione del libro “Volevo fare il calciatore” scritto da Filippo Luti, classe 1974, giornalista fiorentino. Luti ha ripercorso i primi passi di Giancarlo Antognoni, in forza all’Astimacobi fino al 1972 e poi alla Fiorentina prima di chiudere la carriera con la maglia del Losanna. Molto gradito, ovviamente, il ritorno ad Asti del giocatore che si laureò campione del mondo con la Nazionale italiana in Spagna nel 1982.

All’evento, organizzato dall’Assessorato allo Sport del Comune di Asti e introdotto da Nella Musso, sono intervenuti il sindaco Maurizio Rasero e l’assessore Mario Bovino. Nell’occasione, il direttore della rivista “Astigiani” Sergio Miravalle ha intervistato Antognoni sull’esperienza da lui vissuta nella nostra città. Erano presenti, fra gli altri, il suo allenatore all’Astimacobi, Bruno Nattino, gli ex compagni di squadra Zanutto, Capra, Angeloni e Zanellato. C’era anche Flavio Tosetti, figlio dell’indimenticabile Nanni, tecnico della “Berretti” astigiana che, con Antognoni in squadra, vinse il titolo italiano di categoria nel 1972 a Forte dei Marmi.

Sono intervenuti anche molti vecchi amici e compagni di scuola di Giancarlo ai tempi della sua permanenza in terra astigiana. Inoltre erano presenti alcuni ragazzi dell’ASD Asti e del Canelli S.D.S. 1922. Il presidente dell’Asti Ignazio Colonna e il direttore sportivo Tony Isoldi hanno donato la maglia biancorossa ad Antognoni.

Durante la serata (svoltasi nel ricordo del cestista statunitense Kobe Bryant, della figlia Gianna e delle altre sette persone decedute nell’incidente aereo di domenica 26 gennaio), Gianfranco Torello, presidente del Viola Club “Magico 10 Giancarlo Antognoni” di Asti, ha intonato l’inno della Fiorentina con tanto di chitarra viola.

Nato a Marsciano, in provincia di Perugia, il 1° aprile 1954, Giancarlo Antognoni vanta 73 gettoni di presenza nella Nazionale maggiore (con 7 reti all’attivo). Andò in gol a Barcellona nella partita del Mundial spagnolo tra Italia e Brasile, ma la sua segnatura, dopo il definitivo 3-2 che qualificava gli azzurri, venne annullata per un fuorigioco insistente, e il pubblico presente al Polo Universitario di Asti ha potuto rivedere quel gol nel filmato. «Forse – ci ha detto Giancarlo – fu proprio quell’episodio ad impedirmi di andare in campo nella finalissima con la Germania. Sarei stato appagato dalla rete messa a segno contro il Brasile, invece cercai di rifarmi in semifinale con la Polonia, e mi infortunai proprio in quella gara».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo