La Nuova Provincia > Sport > Ben 10.000 visitatori al “Gulla” 2019, tra musica, cibo, sport e beneficenza
SportAsti -

Ben 10.000 visitatori al “Gulla” 2019, tra musica, cibo, sport e beneficenza

La manifestazione andata in scena al "Censin Bosia" ha regalato come sempre grandi emozioni

Ben 10.000 visitatori al “Gulla” 2019, tra musica, cibo, sport e beneficenza

Cinquantadue squadre di calcio a 5, tre tornei giovanili, diciotto spettacoli di musica live, otto giorni di street food. Si chiude un’edizione record del “Gulla”, la dodicesima che gli Amici di Luca dedicano al ricordo di Luca Gulinelli.
Dopo i quattro giorni di festa del 2018, quest’anno si è deciso di raddoppiare con un vastissimo programma che si è esteso lungo l’intera settimana dal 2 al 9 giugno. Gli ingressi unici sono stati circa 10 mila, stando alle registrazioni che davano la possibilità di accedere gratuitamente alle varie iniziative, concentrate all’interno dello stadio “Censin Bosia”.
Lo sport è stato in primo piano ,con il grande torneo di calcio a 5 vinto dalla squadra Asti City, dopo una competizione molto serrata, con oltre cinquanta formazioni al via. Manasiev (miglior giocatore), Sculeac, Plado, Gatti e compagni hanno conquistato il trofeo in un torneo che ha applaudito al via atleti di talento come Lewandowski (capocannoniere), Acosta e molti altri. I tornei giovanili hanno coinvolto numerose società astigiane (vittoria dell’Alfieri Asti 2006 in una finale serrata con la SCA), mentre quello femminile ha beneficiato della presenza di formazioni “under” di club professionistici.
La musica ha scandito il trascorrere delle serate tra cantautori, cover band e concerti. Ospiti d’eccezione sono stati la promettente astigiana Camilla Musso, sbocciata sulle note di Lucio Dalla alle audizioni di X Factor (ha fatto commuovere Mara Maionchi), Andrea Biagioni (concorrente dell’ultima edizione di Sanremo Giovani ed ex “discepolo” di Manuel Agnelli a X Factor), la Rino Gaetano Band (tribute band ufficiale del compianto cantautore), Cimini e il Consorzio Anime Salve, che ha concluso la rassegna sulle note di Fabrizio De Andrè. Grande spazio anche agli eventi jazz, con esibizione di artisti di rilievo internazionale. Non sono mancati poi i momenti di spettacolo come quelli regalati, sabato 8 giugno, dalla scuola di circo Chapitombolo di Monale. Tutto accompagnato dallo street food e dall’offerta gastronomica allestita in collaborazione con l’Associazione italiana cuochi itineranti e gli stand del territorio. Come sempre, la beneficenza ha avuto un ruolo da protagonista. Il ricavato della lotteria finale andrà a finanziare un progetto di riqualificazione dei cortili delle scuole primarie Anna Frank e Giovanni Pascoli di Asti. Al “Gulla” i valori dello sport vengono coniugati nella prospettiva dell’inclusione come testimoniano le partite disputate fra le “Vecchie Glorie Astigiane” e il “Filadelfia Team for Disabled” e l’incontro di domenica tra i ragazzi con disabilità del progetto “Calcio e sport” del C.i.s.a. Asti Sud e gli esordienti dell’Aleramica. Un incontro quest’ultimo che ha emozionato in modo particolare le famiglie dei giovani seguiti dagli educatori del C.i.s.a.: «Dopo quattro anni di percorso insieme, si trattava della prima occasione in cui i nostri ragazzi avevano la possibilità di misurarsi sul campo con una squadra di loro coetanei: per noi è stata come una finale di Champions League e di questo dobbiamo ringraziare gli organizzatori del Gulla», ha commentato il referente del progetto Piermarco Doglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente