Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/celentano-giochera-nell39astensebrnapoli-l39acquisto-boom-e-simon-56e687edb3dcf1-nkil34yxaikx0r9m1rsxt69stqapu10trv9ygxuow8.jpg" title="Celentano giocherà nell'Astense?
Napoli, l'acquisto boom è Simon" alt="Celentano giocherà nell'Astense?Napoli, l'acquisto boom è Simon" loading="lazy" />
Sport

Celentano giocherà nell'Astense?
Napoli, l'acquisto boom è Simon

«Purtroppo il prossimo anno non sarai più con noi». Il post di Claudio Giovannone sulla pagina facebook di Antonio Celentano, apre di fatto la prima cessione "made in Italy" del sodalizio

«Purtroppo il prossimo anno non sarai più con noi». Il post di Claudio Giovannone sulla pagina facebook di Antonio Celentano, apre di fatto la prima cessione "made in Italy" del sodalizio di Maria Cristina Truffa. Secondo indiscrezioni, il difensore (classe 1990), che a causa di problemi personali non potrà vestire la maglia orange, sembrerebbe a un passo dalla serie A2, con la Libertas Astense. Dopo Gazolli, Dudu Costa e Marcelinho, il Napoli fa suo Simon e sogna Edgar Bertoni. Pescara ha confermato Luca Leggiero, mentre il "crack" di mercato spagnolo è l'approdo della stella Batèria, ex Intermovistar, al Barcelona orfano di Jordi Torras.

Egea, infine, lascerà l'Acqua&Sapone. A tenere banco in queste ore è tuttavia la definizione del prossimo campionato di serie A: le formazioni al via potrebbero essere 10, come l'anno passato, oppure 12, con l'eventuale ripescaggio di Corigliano e Genzano. Non saranno certamente 11 i team iscritti. La speranza degli appassionati è che si possa arrivare alla "fumata bianca" per l'aggancio delle due candidate a partecipare al torneo: «Sarebbe un segnale forte, di inversione di tendenza, e per questo noi orange auspichiamo si possa organizzare un campionato a 12 squadre, che sarebbe certamente più interessante», dichiara Maria Cristina Truffa, intercettata nelle scorse ore proprio all'ingresso della riunione in terra capitolina dei presidenti delle società.

I punti cardine della scelta sono sostanzialmente due: il presidente Tonelli è deciso a concedere l'ingresso di Corigliano e Cogianco solo in caso di assenso da parte di tutti i massimi dirigenti. Il secondo aspetto che lascia un pizzico perplessi è quello del "creare un precedente", concedendo il doppio salto di categoria a una formazione che, seppur storica e ambiziosa, lo scorso anno ha vinto la serie B. Tutto sommato, per il bene del futsal e della serie A tutti si augurano che si possa arrivare alle "fatidiche 12".

d.c.
d.c.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale