Galletti, entro il fine settimanala definizione della nuova società
Sport

Galletti, entro il fine settimana
la definizione della nuova società

Nel tardo pomeriggio di venerdì 29 maggio, nella sede dell’Asti Calcio, si è riunita l’assemblea dei soci appartenenti alla società biancorossa per discutere e deliberare sulla scissione del

Nel tardo pomeriggio di venerdì 29 maggio, nella sede dell’Asti Calcio, si è riunita l’assemblea dei soci appartenenti alla società biancorossa per discutere e deliberare sulla scissione del sodalizio. Il presidente Pier Paolo Gherlone ha a illustrato il progetto che porterebbe a trasferire il ramo d’azienda sportiva comprensivo del titolo sportivo e dei tesserati della squadra iscrivibili al campionato di D, al campionato Juniores nazionale e a quello riservato agli Allievi 1999 e 2000 in capo alla società scissa, vale a dire l’Asti Calcio Football Club. Il nuovo sodalizio che sorgerà dalla scissione presenterà domanda di affiliazione alla LND. Se la domanda di affiliazione non dovesse essere accolta, la nuova cordata prenderà il vecchio titolo sportivo. La S.D. Asti Calcio srl, invece, conserverà l’anzianità di affiliazione e altre attività di calcio a cinque, e si occuperà del settore giovanile e della scuola calcio.

Gherlone ha mantenuto il più assoluto riserbo circa i nomi dei soci della cordata milanese che farà parte dell’Asti Calcio FC, soci con i quali, tuttavia, è già stato siglato un accordo privato. Il presidente Pier Paolo Gherlone ha illustrato infine la possibilità di poter procedere a una fusione della S.D. Asti Calcio con la Sandamianese Asti al fine di poter annoverare tra la propria attività una squadra iscritta al campionato di Prima Categoria. Tra i candidati ad assumere la presidenza dell’Asti compare il nome di Angelo Caroli: «In questo momento parlare di Caroli come futuro presidente è prematuro e inesatto – dichiara il dg biancorosso Lillo Di Franco, tra le anime pulsanti della salvezza ottenuta dai galletti nella stagione appena conclusa – Angelo fa parte di una serie di professionisti, che comprende avvocati, commercialisti e anche un docente di filosofia, che compongono la cordata. Nel fine settimana questo team di 15 persone si riunirà e verrà consolidata la composizione della società, compresa la scelta del presidente».

Di Franco è stato il tramite dell’operazione: «Ho lavorato pensando unicamente al bene dell’Asti e nell’ottica di dare supporto al presidente Gherlone, non ho richiesto di ricoprire alcun ruolo, se poi avrò la possibilità di dare il mio contributo al team ne sarò felice». Nel weekend, intanto, il dg ha incontrato mister Nicola Ascoli, grande regista di tre piccoli capolavori in biancorosso negli ultimi anni. Se i galletti ripartissero da lui, sarebbero in buone mani.

Gianni Truffa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo