Lazio-Asti, big match nel futsal di AOrange in campo sabato alle 18
Sport

Lazio-Asti, big match nel futsal di A
Orange in campo sabato alle 18

Non c’è tregua in una massima serie del futsal che ha appena eletto il vincitore di Coppa. Smaltita la delusione per due precoci e inattese eliminazioni nei quarti della kermesse, Lazio e Asti C5

Non c’è tregua in una massima serie del futsal che ha appena eletto il vincitore di Coppa. Smaltita la delusione per due precoci e inattese eliminazioni nei quarti della kermesse, Lazio e Asti C5 si troveranno di fronte domani alle 18 con il comune obiettivo di riscattare il ko. Ecco il bilancio di questo periodo della stagione del vicepresidente orange Claudio Giovannone, in una delle rarissime interviste finora rilasciate.

Claudio, come ci racconteresti questi 4 giorni a Pescara?
«Un misto di entusiasmo e delusione direi: entusiasmo per i nostri giovani che, pur ampiamente incerottati, hanno tirato fuori quegli attributi che solo un grande allenatore/motivatore ha saputo stimolare dentro di loro. Non erano di certo i favoriti nella finale ma la “formula Pata” ha funzionato al mille per cento mi sento di dire».

La prima squadra invece?
«Beh qui, inutile nasconderlo, delusione totale. Eravamo strafavoriti, ma in questo tipo di competizioni troppi dei nostri si sono dimenticati che i favoriti non esistono mai. Non abbiamo fatto una buona partita, sicuro non siamo stati fortunati, ma voglio dire che il Montesilvano ha vinto con pieno merito. Che cuore quei ragazzi! E non mi si venga a dire che è colpa del mister che ha messo il portiere di movimento, per favore!».

E adesso si riprende con il campionato, e subito contro la Lazio seconda in classifica…
«Benissimo! Adesso vedremo di quale pasta sono fatti i nostri giocatori e, in base a questo, decideremo se il prossimo anno sarà un anno di evoluzione o di rivoluzione. I nostri sanno bene che, a casa nostra, la prima cosa che chiediamo è quella di meritare i grandi sacrifici cha facciamo per loro. Si può vincere, si può perdere, ma sempre dopo aver dato tutto quello che hanno dentro. Certo che dalla capitale è già cominciato, come usano fare là, il "muro del pianto" contro di noi, dimenticando le innumerevoli ingiustizie che abbiamo subito negli anni proprio contro di loro. Ma a me queste cose non interessano proprio».

I piemontesi dovrebbero ritrovare in campo Lima, la compagine di casa è reduce da un periodo piuttosto negativo. Nelle ultime cinque gare ha vinto solo con Rieti e col modesto Putignano, pareggiando 2-2 a Napoli nell’ultimo turno. La compagine di D’Orto vanta una rosa di assoluta qualità: Salas, Tostao, PC, il portiere Barigelli, Dimas, ma soprattutto Vinicius Bacaro e Adriano Foglia. Sono due colossi del calcio a 5 italiano, ma entrambi non stanno vivendo un periodo particolarmente felice: il primo è reduce dal determinante errore dal dischetto nei quarti di Coppa Italia, il secondo sembra entrato nella fase calante della carriera. Nei big-match, però, i campioni danno il meglio, e la sfida di domani è a tutti gli effetti una partita di cartello.

Davide Chicarella

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo