Bruno-Campagno-scaled
Sport
Pallapugno

Motivi diversi costringeranno tre battitori a rinunciare alla stagione agonistica 2023

Campagno e Torino frenati da problemi fisici, Daziano da impegni di lavoro

Diverse motivazioni costringeranno tre battitori, Bruno Campagno, Andrea Daziano e Gilberto Torino (elencati in ordine alfabetico) a disertare la prossima stagione nella massima serie. Bruno Campagno (foto) già al termine della passata stagione aveva deciso di prendersi una pausa, ma era poi subentrata la decisione di operarsi al ginocchio dettata dalla scelta di voler continuare a giocare. L’articolazione non aveva però cessato di dargli fastidio, situazione aggravata dalle problematiche alla spalla venute fuori nel frattempo. Rendimento condizionato quindi e notevoli difficoltà dal punto di vista psicologico nello scendere in campo con sicurezza e serenità. Ed ecco lo stop necessario in ottica 2023. Sarà il d.t. dell’Albeisa, capitanata da Paolo Vacchetto.

Problemi fisici alla base della rinuncia alla prossima stagione agonistica anche per Gilberto Torino, frenato da una lesione della cartilagine della spalla. Non sarà necessario un intervento chirurgico per risolvere il problema, ma servirà comunque un percorso di riabilitazione per rinforzare e stabilizzare la spalla. Difficile stabilire una tempistica sicura di recupero. Torino dovrebbe tornare a giocare solamente nel 2024.

Infine Andrea Daziano, semifinalista nel 2022 con il Cuneo. Ad indurlo a rinunciare al prossimo campionato un progetto di lavoro che lo porterà all’estero, con possibili parentesi intermedie in Italia ma l’impossibilità comunque di allenarsi in forma continuativa e giocare al massimo delle proprie possibilità. Daziano tornerà a giocare se e quando sarà per lui possibile conciliare gli impegni lavorativi con le sedute di allenamento e le gare ufficiali.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo