278659325_729544628417257_3135327395200149592_n
Sport
Arti marziali

Ottavia Musso splendido argento tricolore

Si è svolta lo scorso weekend al PalaPellicone di Ostia Lido la finale nazionale di Coppa Italia A2 di Judo  riservata alle classi Junior e Senior

Si è svolta lo scorso weekend al PalaPellicone di Ostia Lido la finale nazionale di Coppa Italia A2 di Judo  riservata alle classi Junior e Senior. Erano in gara in rappresentanza della Polisportiva Astigiana gli atleti Matteo Malabaila nel peso fino a 60 kg e Ottavia Musso nel peso fino a 52 kg qualificatisi dopo aver superato brillantemente la fase regionale. Al via più di 350 atleti, esclusi quelli arruolati per i gruppi  militari, provenienti da tutta Italia; sabato le categorie maschili e domenica le femminili.

Inizia Matteo al sabato, ma parte male la sua gara perdendo con un forte atleta del Cus Parma. Recuperato non riesce comunque a rientrare in gara, subendo un calo emozionale che ne ha limitato la prestazione. Anche la gara di Ottavia sembra in salita, relegata da un sorteggio sfavorevole fuori dalla poule; ma poi colpo dopo colpo supera tutte le sue avversarie arrivando fino in finale. Qui deve arrendersi alla forte atleta Fiora, ex nazionale e atleta Senior  decisamente più esperta dell’atleta astigiana che è al suo ultimo anno da Juniores.

“Il secondo gradino del podio di una gara così prestigiosa è una bella soddisfazione – commenta il Tecnico Cristina Cirillo che ha seguito la gara in streaming  –  che premia un’atleta che si allena con costanza e determinazione da anni, e che non manca mai agli allenamenti, nonostante acciacchi vari ed esami universitari superati sempre brillantemente”.

A seguire gli atleti era presente Marta Rainero, giovane allenatrice della società Polisportiva Astigiana, che insieme agli stessi Matteo Malabaila e Ottavia Musso fa parte dell’emergente staff tecnico che affianca i veterani Cristina Cirillo, Simone De Tata e Marco Gonella.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo