Palio di Fucecchio: vince Zedde (Massarella)
Sport

Palio di Fucecchio: vince Zedde (Massarella)

Quando i Palii si corrono di lunedì difficilmente Giuseppe Zedde si lascia sfuggire la vittoria

Quando i Palii si corrono di lunedì difficilmente Giuseppe Zedde si lascia sfuggire la vittoria. Era accaduto ad Asti nel 2013 (Torretta), è successo ieri a Fucecchio. Confermato dalla Contrada Massarella dopo l’incredibile Palio 2015, quando venne sradicato da cavallo dal fantino della rivale Torre (quest’anno squalificata) Zedde ha trionfato.

La corsa si è svolta di lunedì poichè gli eventi di domenica (soprattutto la caduta dell’accoppiata di Porta Raimonda in batteria) e il prolungarsi delle fasi della mossa della finale (sopraggiunta oscurità) avevano costretto al rinvio. Batterie: cinque soltanto i partenti nella prima, vista la squalifica della Torre: dallo steccato Borgonovo (Atzeni), Porta Raimonda (Mari), Cappiano (Pusceddu), Porta Bernarda (Pes) e San Pierino (Coghe) di rincorsa.

Accedevano alla finale Borgonovo, Porta Bernarda, Cappiano e San Pierino. Una caduta all’ultima curva estrometteva dalla lotta Porta Raimonda (Mari), in quel momento quarta. Tutte in finale le 4 accoppiate che tagliavano il traguardo. Momenti di paura per il cavallo Dijb (Porta Raimonda), rimasto a terra in pista.

Immediati i soccorsi. Trasportato alla clinica veterinaria il cavallo si è ripreso. Seconda batteria: dallo steccato Sant’Andrea (Gavino Sanna), Massarella (Zedde), Ferruzza (Mereu), Botteghe (Bruschelli), Querciola (Fais) e di rincorsa Samo (Ricceri). In finale Sant’Andrea, Massarella, Ferruzza e Querciola (cavallo scosso). Eliminati Samo (Ricceri) e Botteghe (Bruschelli).

Finale: dallo steccato Borgonovo (Atzeni), Cappiano (Pusceddu), Sant’Andrea (G. Sanna), Massarella (Zedde), San Pierino (Coghe), Ferruzza (Mereu), Porta Bernarda (Pes) e di rincorsa Querciola (Fais). Massarella (Zedde, cavallo Matato) partiva davanti e non mollava più il comando. Secondo in rimonta Pes (Porta Bernarda) e terzo Gavino Sanna (Sant’Andrea).

Massimo Elia

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo