La Nuova Provincia > Sport > Quanto è difficile salutarti: buon viaggio per l’eternità Gio
Sport Asti -

Quanto è difficile salutarti: buon viaggio per l’eternità Gio

Il ricordo di chi l'ha allenato e visto crescere sui campi di calcio: quello di Cori per il rettangolo verde era un amore incondizionato

Quanto è difficile salutarti: buon viaggio per l’eternità Gio

Ci sforziamo di capire, di intravedere un disegno divino, ma è tremendamente difficile trovare spiegazioni sulla scomparsa di un giovane di soli 31 anni. «Il giorno che temiamo come ultimo è soltanto il nostro compleanno per l’eternità»: Socrate, con queste parole, immaginava un mondo in cui beneficiare della vita eterna. Se così fosse, e ci sforziamo infinitamente di crederlo, siamo certi che Giovanni Cori sia pronto a rincorrere un pallone. L’ho conosciuto giovanissimo, l’ho osservato calcare campi prestigiosi, come quelli di Serie D, accanto a “mostri sacri” come Lentini e Fuser, ne ho captato indistintamente l’amore per lo sport. Ha fatto gol con tante maglie, ma più di ogni altra cosa ha lasciato un ricordo indelebile. Passionale, innamorato del calcio e dei suoi affetti. «Eri uno dei miei figli calcistici… Non posso credere di non vederti più correre dietro a un pallone», il messaggio social di mister Tony D’Urso. «Non può essere vero. Così non è giusto. Adesso con chi litigheremo, festeggeremo, giocheremo?», il “post” del presidente della Pro Villafranca Josi Venturini. A testimoniare lo sgomento e la sofferenza di tanti astigiani basta notare gli infiniti messaggi di cordoglio apparsi in questi giorni. La vita è una grande sorpresa, spesso troppo amara per venire accettata. Non resta che augurarsi che l’aldilà sia qualcosa di ancora più grande. «Mi disturba la morte. Credo che sia un errore del padreterno. Non mi ritengo indispensabile, ma immaginare il mondo senza di me: che farete da soli?». Lo dice Vittorio Alfieri, figlio della nostra città. E, oggi, ce lo chiediamo tutti: sarà difficile fare a meno di te. Buon viaggio Gio.

Nell’immagine Giovanni Cori accanto a mister Tony D’Urso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente