La Nuova Provincia > Sport > Riccardo Dellavalle, tra trascorsi ed un futuro da scrivere
Sport Asti -

Riccardo Dellavalle, tra trascorsi ed un futuro da scrivere

Da 45 anni mi muovo all’interno del mondo del tamburello e sento la necessità di tirare un po’ il fiato

Tamburello duramente penalizzato

Il momento difficile legato alla situazione emergenziale che da tempo stiamo vivendo ha duramente penalizzato il mondo dello sport. Anche il tamburello ha pagato e sta pagando un prezzo piuttosto alto. Nell’Astigiano la stagione 2020 avrebbe visto quale unica compagine partecipante ad un campionato nazionale il Rilate/Chiusano, iscritto alla serie B. La guida tecnica del team sarebbe stata affidata a Sandrine Nicole e a Riccardo Dellavalle. A quest’ultimo, chiusanese doc, uno dei più grandi campioni di sempre nella storia del tamburello, abbiamo chiesto di raccontarci sia su quali basi era stato programmato il campionato 2020 sia le aspettative e gli intendimenti in ottica futura.

Chiusano in A, esperienza meravigliosa

«L’esperienza vissuta dal Chiusano – afferma Dellavalle – preparata nel tempo con grande pazienza e applicazione, è stata bellissima. Un po’ all’insaputa di tutti abbiamo cresciuto diversi ragazzi portandoli dai primi passi compiuti nel settore giovanile fino al prestigioso palcoscenico della serie A. Raggiunto l’obiettivo, il passo successivo sarebbe stato il mantenere la squadra nella massima serie, ma lo sforzo economico da compiere abbinato alla scelta di alcuni giocatori di cambiare squadra non ce lo ha permesso.»
Un capitolo chiuso pertanto, ma voltando pagina che cosa si era fatto?
«Parola d’ordine ripartenza. Situazione non facile, ma grazie all’accordo raggiunto con il Rilate di Beppe Bonanate era scaturita la possibilità di partecipare al campionato cadetto.»

Quel che non è stato

Con quale organico?
«La rosa della squadra avrebbe dovuto comprendere Andrea Petroselli, mio figlio Daniel, Mattia Zanotto e i fratelli Cataldo. Purtroppo il Covid-19 ha troncato sul nascere programmi e aspettative.»
Nel 2021 bisognerà in ogni caso voltare nuovamente pagina….
«Si tratterà di scrivere non il capitolo successivo della storia, ma un nuovo libro. Ricominciare da zero, dal basso, dai campionati provinciali e regionali e riprovarci, andando a cercare nuove forze giovani.»

Dietro l’angolo

E ovviamente Riccardo Dellavalle sarà in prima linea…..
«Vedremo, non è detto però che sia proprio così. Da 45 anni mi muovo all’interno del mondo del tamburello e sento la necessità di tirare un po’ il fiato. Talvolta la forza e le motivazioni vengono un po’ a mancare. Per fortuna a Chiusano ci sono persone del calibro di Andrea Petroselli e Paolo Cardona esperte ed affidabili, che metteranno al servizio della società come hanno sempre fatto tutta la loro passione ed esperienza. Questo non significa che io mi farò da parte completamente, poichè una mano a loro la darò volentieri. Semplicemente vorrei tornare a godermi momenti e situazioni di vita che i continui impegni mi avevano precluso. E poi chissà… magari dopo aver rifiatato le motivazioni torneranno più forti di prima….»

Articolo precedente
Articolo precedente