Mava
Sport
Pallapugno

Saranno dieci le partecipanti alla massima serie 2023

L’Araldica Castagnole unica formazione astigiana di “A”
Saranno 10 le squadre che daranno vita alla massima serie 2023 di pallapugno. Mancheranno tre capitani (assenti per diversi motivi), vale a a dire Campagno, Daziano e Torino. Non vi saranno la retrocessa Merlese e l’Augusto Manzo, società che ripartirà dalla B. Disputeranno la serie A 2023 le finaliste dello scorso campionato cadetto, ossia Ceva e San Biagio. Il Cortemilia scudettato avrà sempre Massimo Vacchetto (foto) in battuta, con Giulio Cane (ex Gottasecca) a fungere da spalla. Terzini Rivetti e Meistro.

A Dolcedo confermato il battitore Federico Raviola, affiancato dal nuovo Giribaldi, ex Merlese. Numerosi i volti nuovi a Canale: innanzitutto i fratelli Gatto, Cristian, ex Castagnole, battitore, e Federico, ex Cortemilia, spalla. Nel reparto avanzato i fratelli Cavagnero: Davide, Walter e Fabrizio. Unica astigiana al via della serie A 2023 sarà l’Araldica Castagnole, che si presenterà con Enrico Parussa (dall’Augusto Manzo) in battuta ed i confermati Amoretti, Bianco e Vincenti. A Cuneo Battaglino prenderà il posto di Daziano: forzata rinuncia la sua per impegni di lavoro. L’organico si completerà con Roberto Corino, Rinaldi e Pesce (dal Gottasecca).

L’Albeisa ripartirà da Paolo Vacchetto: al suo fianco la spalla Milosiev (dalla Canalese) e i terzini Bolla e Drago (dalla Virtus Langhe). A Dogliani il capitano sarà Barroero. Confermato in battuta Dutto a Bormida; Ceva e San Biagio affronteranno il campionato 2023 con capitani rispettivamente Levratto e Pettavino.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri inoltre:

Edizione digitale