"Talent League Of Boxing", cosa cambia nel pugilato dilettantistico in Italia
Sport

"Talent League Of Boxing", cosa cambia nel pugilato dilettantistico in Italia

Il pugilato dilettantistico in Italia cambia faccia, dal mese di marzo prenderà il via la Talent League Of Boxing, un torneo a gironi che vedrà impegnate tutte le regioni Italiane divise in nove

Il pugilato dilettantistico in Italia cambia faccia, dal mese di marzo prenderà il via la Talent League Of Boxing, un torneo a gironi che vedrà impegnate tutte le regioni Italiane divise in nove squadre. Nel girone A le Tigri Sabaude si scontreranno con i Cobra Longobardi (Lombardia) e con i Leoni di S.Marco (Veneto, Friuli e Trentino).

Nel girone B le Volpi Bizantinte (Emilia-Romagna e Marche) se la vedranno con i Destrieri Etruschi (Toscana e Umbria) e i Falchi Legionari (Lazio). Nel girone C si scontreranno i Lupi Briganti (Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata), Squali Borboni (Campania e Calabria) e le Pantere Aragonesi (Sicilia e Sardegna). Ogni team si scontrerà con le squadre del proprio girone in turni di andata e ritorno, con gare casailnghe e in trasferta. Alla fine della regular season sono previste le semifinali di playoff di A/R e una finale di gara unica.

Le Tigri Sabaude comprendono Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. I vari gruppi sono rappresentati dai migliori pugili prima serie di ogni categoria di peso e tutti i match sono previsti senza l’uso del caschetto. La città di Asti verrà rappresentata dalla ormai affermata Skull Boxe Club con la presenza del pugile Nourdine Hassan nella rappresentanza degli atleti e del tecnico Davide Greguoldo, nominato dal comitato regionale Team Leader dell’intera squadra delle Tigri Sabaude.

Enorme soddisfazione per la palestra di via Bosio che, grazie  alla presenza del tecnico Greguoldo in quello che sarà il torneo che darà la svolta alla boxe italiana, guadagna ancor più prestigio. «Ho accettato subito l’incarico che mi è stato affidato, è un’occasione unica per poter lavorare con i migliori pugili d’Italia e di rappresentare, spero al meglio, la mia regione. Avrò la possibilità di arricchire nel migliore dei modi il mio bagaglio di esperienza e sarò fiero di accompagnare Hassan in questa nuova avventura e sono consapevole che con l’avvento dei match senza caschetto bisognerà presentarsi al top per potersela giocare con l’elite del pugilato italiano», dichiara il tecnico Greguoldo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo