La Nuova Provincia > Sport > Tamburello: Rilate e Chiusano uniscono le forze e nel 2020 sarà serie B
Sport Asti -

Tamburello: Rilate e Chiusano uniscono le forze e nel 2020 sarà serie B

Il prossimo anno la massima espressione tamburellistica maschile per gli appassionati astigiani sarà il campionato cadetto

Una triste rinuncia

E’ triste scoprire come una delle società della serie A di tamburello 2019 tra le più seguite lo scorso anno dal pubblico (ci riferiamo al Chiusano del presidente Boracco), debba rinunciare al massimo campionato 2020 dopo aver conquistato sul campo, con pieno merito e largo anticipo, il diritto di rigiocare nell’elite della disciplina.

Sponsor ed interesse latitanti

Triste per tutta una serie di motivi, il principale dei quali legato alla totale mancanza d’interesse da parte di enti, aziende e ditte presenti in terra astigiana nel voler dare continuità ad alto livello, sotto forma di sponsorizzazioni, ad uno degli sport che da sempre, alle nostre latitudini, è considerato un autentico fiore all’occhiello.

Tante parole, ma poca concretezza

Tante le parole che si sentono fare, citando tradizioni e cultura sportiva da non disperdere, ma di concreto….. ben poco. E così dopo aver riassaporato la serie A per un anno soltanto, onorandola come meglio non sarebbe stato possibile, ecco che nel 2020 la massima espressione tamburellistica maschile per gli appassionati astigiani sarà la serie B. Ciò avverrà perchè il Chiusano, per evitare di dover ripartire dalla serie D, ha unito le forze con un’altra società, il Rilate, che costituisce un ulteriore e autentico miracolo sportivo locale, originato dalla passione e dalla caparbietà di un gruppo di appassionati guidati da Beppe Bonanate.

Preservare il patrimonio giovanile

A spingerli l’orgoglio e il desiderio di non veder cancellato del tutto un patrimonio giovanile ogni anno coltivato e sviluppato con capacità, sacrificio e tra mille difficoltà (economiche innanzitutto, facile da immaginare). Così, dopo tante promozioni fallite d’un soffio dalla C alla B in sede di finali nazionali, il Rilate è stato quest’anno ammesso tra i cadetti (ammesso per propri meriti maturati, non ripescato, si badi bene).

Programma mirato

Attraverso un programma mirato messo a punto con la dirigenza del Chiusano ci sarà così la possibilità di scrivere la prima pagina di un nuovo libro. Nei prossimi giorni verrà ufficialmente presentata la nuova società e si conoscerà con esattezza la composizione dell’organico. Sarà un mix d’esperienza e di forze giovani. La conduzione tecnica sarà affidata a Sandrine Nicole e a Riccardo Dellavalle e le partite casalinghe si svolgeranno al “Renato Gerbo” di Chiusano.

Impianti di gioco

L’impianto montechiarese intitolato a Nazario Tirico ospiterà con ogni probabilità una partita interna di campionato e le sfide di Coppa Italia. Un’intesa quella tra Rilate e Chiusano che potrebbe in futuro coinvolgere anche altre realtà del territorio della Val Rilate quali Cinaglio, Piea e Settime. Vi sarà quindi un unica squadra maggiore ma la possibilità per le varie società coinvolte di continuare a svolgere singolarmente l’attività giovanile.

Nella foto sopra, la formazione del Rilate che nel 2019 ha disputato la serie C, meritando l’ammissione alla categoria superiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente