Una trasferta da sogno a Shanghaiper gli sbandieratori di San Pietro
Sport

Una trasferta da sogno a Shanghai
per gli sbandieratori di San Pietro

Il Comitato Palio del Borgo San Pietro festeggia il ritorno dei ventidue atleti partiti per Shanghai lo scorso 13 ottobre. Il Gruppo Sbandieratori e Musici è rientrato vittorioso ed entusiasta dalla

Il Comitato Palio del Borgo San Pietro festeggia il ritorno dei ventidue atleti partiti per Shanghai lo scorso 13 ottobre. Il Gruppo Sbandieratori e Musici è rientrato vittorioso ed entusiasta dalla trasferta cinese, dopo due intense settimane di esibizioni, visite e scambi culturali nell'ambito del prestigioso festival internazionale del Shanghai Baoshan International Folk Arts Festival. A Shanghai è stata scritta una pagina importante nella storia del Comitato Palio rossoverde, che ha cercato e cercherà di proiettarsi sempre più verso nuovi legami internazionali. L'incontro con la cultura e la tradizione cinese e il dialogo instaurato con gli organizzatori della manifestazione e gli esponenti politici locali presenti hanno posto le basi per future collaborazioni. Il Gruppo ha puntato forte sui giovani, fascia d'età dai 17 ai 30 anni.

Il mondo del Palio è stato protagonista, insieme ad altri dieci gruppi folkloristici da tutto il Mondo (Messico, Repubblica Ceca, Usa, Scozia, Bulgaria, Lettonia, Russia, Bielorussia, Slovacchia e Cina), di una grande manifestazione itinerante nel quartiere del Baoshan. Momento di particolare rilievo è stato rappresentato dalla visita ad una scuola elementare e media, un vero e proprio campus che accoglie più di 4 mila bambini. Al termine della visita e dopo l'esibizione degli sbandieratori nel campo di atletica scolastico, lo scambio dei doni tipico di ogni momento ufficiale del Festival ha permesso di consegnare brochure e gadget sulla città di Asti. Durante la "Grande Parata" di apertura del Festival, le prestazioni del gruppo sono state riprese dalle emittenti locali e più di centomila persone si sono accalcate per le vie del quartiere, affascinate dalle bandiere che volavano alte nel cielo e da un'arte tutta italiana.

Grazie al Festival, i gruppi partecipanti hanno avuto la possibilità di mostrare alla Cina e ai Paesi partecipanti le loro tradizioni, i loro costumi e l'arte caratteristica del loro Paese. Il Gruppo rossoverde ha avuto modo di esibire le proprie capacità anche all'interno di due importanti aziende sponsor del festival, la Baoshan Steel Enterprise e il Baolin Electric Group, che hanno accolto con entusiasmo gli atleti tra gli operai e i dipendenti delle due grandi realtà produttive cinesi. Il Comitato organizzatore cinese ha provveduto alla copertura delle spese per tutti i Gruppi partecipanti al Festival, relative al soggiorno in hotel, vitto, spostamenti in autobus, visite ai siti famosi in Shanghai e al Museo della città. Durante la grande cerimonia di chiusura che si è svolta presso il Parco del Baoshan, nel suggestivo scenario del padiglione a forma di conchiglia, i leader di tutti i gruppi hanno consegnato all'organizzazione del Festival un costume tradizionale, che rimarrà in esposizione nel Museo del Baoshan, a memoria della nona edizione del Festival.

Main sponsor della trasferta cinese del Gruppo rossoverde è stata l'Azienda Maina di Corso Alessandria, che fin da subito ha colto l'importanza e la grande ricchezza dell'esperienza per i ragazzi del Borgo. Altri fondamentali sostenitori della trasferta, gli sponsor tecnici Albergo Etico di Corso Galileo Ferraris e Asti Tosti di Canelli. Quest'ultima azienda offrirà un brindisi collettivo per festeggiare il ritorno e gli ottimi risultati ottenuti. Stefania Toso, commenta così la grande esperienza appena vissuta: «La più grande soddisfazione è stata vedere sul volto dei ragazzi la felicità e la curiosità per un mondo così lontano, al quale siamo riusciti a trasmettere molti elementi della nostra cultura e del nostro Palio. Le nuove amicizie strette e i rapporti con gli organizzatori si sono rivelati unici e solidi e siamo certi che porteranno a nuovi scambi culturali e promozionali, di cui saremo felici di poter essere nuovamente protagonisti.»

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo