La Nuova Provincia > Attualità > Fantini: conferme a Nizza e a Baldichieri, a Castell’Alfero torna Fais
Attualità, Palio Asti -

Fantini: conferme a Nizza e a Baldichieri, a Castell’Alfero torna Fais

Saranno in sette a contendersi il Drappo dipinto dal Maestro Paolo Bernardi: i Comitati Palio della nostra provincia si preparano a vivere la straordinarietà dell’evento sfidandosi in una prova secca

Sfida a sette

Saranno in sette a contendersi il Drappo dipinto dal Maestro Paolo Bernardi: i Comitati Palio della nostra provincia si preparano a vivere la straordinarietà dell’evento sfidandosi in una prova secca che troverà collocazione nel programma di domenica 1° settembre tra le due batterie e la finale della corsa riservata ai 14 Borghi e Rioni cittadini.
La competizione, dopo qualche mugugno iniziale delle dirigenze legato allo sdoppiamento dei Palii, ha acquisito meritata credibilità diventando via via più attesa.

Commissioni al lavoro: Chiavassa ci riprova a Baldichieri

Le varie commissioni corsa sono da tempo al lavoro ed alcune monte sono già state definite. Sono due al momento i fantini confermati: Baldichieri concederà una nuova “chance” a Mattia Chiavassa, nato a Busca a nel 1991, reduce da una partecipazione in chiaroscuro al nostro Palio con eliminazione in batteria nonostante la disponibilità di un soggetto, Unico de Aighenta, assai quotato nel lotto dei partenti. Per Chiavassa anche due vittorie nelle batterie della “tratta” senese su Tonina (luglio 2018) e Turbillon (agosto 2018).

Cersosimo, terzo anno a Nizza

Oltre a Baldichieri ha confermato la monta in vista del prossimo settembre anche il Comitato giallorosso nicese, deciso nel confermare per il terzo anno consecutivo Alessandro Cersosimo, classe 1997, protagonista di due ottimi Palii nel 2017 (finale, settimo posto) e nel 2018 (finale, quinto posto). Per lui anche una vittoria nelle batterie della tratta senese, esattamente nel luglio 2018 su Trattu de Zamaglia. L’anno scorso ad Asti Cersosimo aveva montato La Via da Clodia, grigia di 8 anni.

Gianluca Fais gradito ritorno a Castell’Alfero

Fin qui le conferme. Solamente un altro Comitato, ad oggi, ha ufficializzato il fantino. Parliamo di Castell’Alfero: il nuovo Rettore D’Agostino ha rimpiazzato Donato Calvaccio con Gianluca Fais, detto Vittorio, classe 1981. Il suo sarà un ritorno, avendo già indossato il giubbetto alferese in altre cinque circostanze: dal 2005 al 2009. Miglior piazzamento il quarto posto conquistato nel 2006. Fais approdò a Tanaro nel 2010, vincendo il Palio su Chamtuck, non fu al canapo in Piazza Alfieri nel 2011 e 2012 per poi tornarci dal 2013 al 2016 in gialloblu per il Borgo Don Bosco. Miglior piazzamento il 7° posto nel 2016. Ingaggiato sei volte a Siena, Fais vanta nel proprio “palmares” due vittorie a Buti, una a Casole, una a Fonni e una nel Palio del Valdarno.

Gli altri quattro

Restano quattro, nei Comuni, le situazioni in divenire: San Damiano, Canelli, Montechiaro e Moncalvo. San Damiano viene da un Palio complessivamente positivo: finale raggiunta sul filo di lana grazie al sorpasso, in batteria, su San Lazzaro pressoché sul palo. Fantino 2018 era Antonio Siri, giunto ottavo in finale. Le voci del dopo Palio lo davano per partente da San Damiano e accasato ad Asti, ma i successivi incastri venuti a maturare in città hanno precluso ad “Amsicora” la possibilità di montare in un Comitato cittadino. Siri ancora a San Damiano nel 2019? Difficile ipotizzare questa soluzione. Non sono invece da scartare altre possibilità, che porterebbero in rossoblu fantini con una esperienza consolidata sulla piazza astigiana.

Montechiaro punta Gavino Sanna

Montechiaro, non è un mistero, ha contattato Gavino Sanna, ma al momento le due parti non hanno raggiunto un accordo per il Palio 2019. Sanna è una delle monte più ambite e ricercate del circuito paliesco nazionale: in notevole ascesa ha vinto di recente il Palio di Buti per la Contrada San Rocco su Qui Pro Quo, bissando il trionfo centrato l’anno passato su Bomario da Clodia. Per lui vittorie a Legnano nel 2018 e a Fucecchio nel 2017.

Canelli e Moncalvo le incognite

Canelli: resta viva l’opzione Massimo Columbu, detto Veleno II, per il Comune guidato dal Rettore Giancarlo Benedetti, nonostante alcune voci ritenessero esaurito il rapporto.
Ed eccoci a Moncalvo: il Comune vincitore del Palio 2018 con l’accoppiata Federico Arri-Calliope da Clodia è alla ricerca di un fantino che possa rimpiazzare il partente Ares (questo il soprannome di Arri). Il Comitato aleramico ha avviato contatti con alcune monte di rilievo, ma, al momento, nessuna trattativa è andata in porto.

Corse a Monteroni d’Arbia:
ci sono le date ufficiali

Ufficializzate le date delle corse 2019 a Monteroni d’Arbia (Siena). Ad organizzare sarà la locale società polisportiva. Gli appuntamenti sono previsti per domenica 17 marzo e giovedì 25 aprile. Ancora da comunicare i programmi di Monticiano e Mociano, che completeranno il calendario 2019.

max.elia@virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente