La Nuova Provincia > Palio > Venti fantini in attesa d’una chiamata da Asti
Palio Asti -

Venti fantini in attesa d’una chiamata da Asti

In ottica settembre 2018 solo due le poltrone disponibili

Situazione monte

Nella griglia delle monte in vista del prossimo Palio restano soltanto un paio le poltrone disponibili. Gli ultimi eventi hanno liberato la casella di Viatosto, mentre è tuttora aperta la situazione riguardante San Paolo. Davvero molti i fantini in attesa di una chiamata, alcuni dei quali già visti all’opera in Piazza Alfieri. Li elenchiamo, chiedendo venia per eventuali dimenticanze. Primo della lista per aver appena vinto il Palio di Buti (e nel 2017 quello di Fucecchio) è Gavino Sanna.

Alla finestra

A seguire, citati in ordine sparso, troviamo Enrico Bruschelli (nel 2016 a San Secondo), Sebastiano Murtas (nel 2017 a Santa Caterina), Giosuè Carboni (nel 2016 a San Paolo), Alessio Migheli (ultima esperienza ad Asti nel 2014, con la Torretta), poi Danilo Todde (in Piazza Alfieri l’ultima volta nel 2011 per San Marzanotto), Andrea Coghe (nel 2017 a San Paolo), Martin Ballesteros (nel 2017 a Santa Maria Nuova), Salvo Vicino (nel 2017 a Viatosto) e Gianluca Fais (nel 2016 a Don Bosco). Senza scordare due nomi suggestivi, quelli di Claudio Bandini (nel 2015 a Viatosto) e Maurizio Farnetani (nel 2015 a San Martino San Rocco, poi rimpiazzato dopo la caduta da Carlo Sanna).

L’elenco si allunga

Fin qui abbiamo elencato fantini già con precedenti esperienze ad Asti, ma l’elenco si allunga ulteriormente con altri nomi venuti alla ribalta negli ultimi due-tre anni: Elias Mannucci, Federico Guglielmi, Adrian Topalli, Simone Fenu, Michel Putzu e Jacopo Pacini. Tra gli astigiani doverosa citazione per Fabio Ferrero, Tiziano Raffero, Alessio Bincoletto, Giacomo Lo Manto, Fabrizio Di Piazza e, altro nome suggestivo, quello di Silvano Mulas. Sono oltre venti i nomi che abbiamo proposto, da ritenersi preziosi “consigli per gli acquisti” per quei Comitati ancora alla ricerca di una monta. Alcuni di questi fantini possiedono in scuderia cavalli mezzosangue di buona levatura. Smentite quindi le facili affermazioni di molti addetti ai lavori, e più volte ascoltate, del tipo… “è un problema, fantini validi da montare non ce ne sono più”. Al contrario: la scelta è quanto mai ampia!

Massimo Elia

max.elia@virgilio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente