Francia/ Oggi a Parigi la grande marcia contro le nozze gay
Altro

Francia/ Oggi a Parigi la grande marcia contro le nozze gay

Francia/ Oggi a Parigi la grande marcia contro le nozze gay
Maggioranza dei francesi è a favore, ma è contraria ad adozioni


Roma, 13 gen. (TMNews)
– Centinaia di migliaia di persone stanno convergendo oggi su Parigi, rispondendo a un appello della Chiesa cattolica e della destra francese, per una grande manifestazione di protesta contro il progetto di legge sui matrimoni tra omosessuali, una promessa del presidente Francois Hollande che sarà dibattuta a fine mese in Parlamento. Il progetto di legge ha riacceso il dibattito tra coloro che pensano che il testo “tenti di sopprimere per legge i generi sessuali” e coloro che invece lottano per l’uguaglianza dei diritti e contro l’omofobia.

Il corteo dovrebbe cominciare a muoversi intorno alle 13. La polizia si attende la partecipazione di non meno di 150.000 persone, fino a un masismo di 400.000. In generale, la maggioranza dei francesi si dice favorevole al matrimonio omosessuale, ma altrettanti si oppongono all’adozione e alla procreazione medica assistita per le coppie omosessuali, secondo gli ultimi sondaggi diffusi oggi.

Il collettivo cattolico “La Manif pour tous” ha previsto tre cortei nella capitale e i manifestanti sono invitati a vestirsi in “blu, bianco e rosa” e portare in mano il Codice civile. Sono stati prenotati centinaia di pullman, treni speciali e da giorni locandine e manifesti vengono attaccati per la capitale e in tutta la Francia. I partecipanti hanno anche ricevuto consegne su come comportarsi e reagire alle provocazioni: “Rimanete sorridenti davanti alle invettive (…) cercate di parlare e, al limite, rivolgetevi alle forze dell’ordine”.

Pur rifiutando “paternità” politiche, la manifestazione accoglierà diversi esponenti dell’Ump, il partito conservatore francese, e dell’estrema destra del Front National. Molto numerosi saranno sicuramente i membri delle gerarchie cattoliche, fra cui il cardinale Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione, che vuole denunciare un progetto che “fragilizza le famiglie”. Al corteo prenderanno parte tutte le associazioni ultracattoliche, antiabortiste e monarchiche.

(con fonte afp)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo