Rbs/Libor,deve pagare 612 milioni di dollari ad autorità Usa e Uk
Altro

Rbs/Libor,deve pagare 612 milioni di dollari ad autorità Usa e Uk

Rbs/Libor,deve pagare 612 milioni di dollari ad autorità Usa e Uk
E’ la seconda maggiore multa nell’ambito di indagini gloabli


New York, 6 feb. (TMNews)
– Royal Bank of Scotland dovrà versare 612 milioni di dollari circa in multe per avere manipolato il Libor, il tasso interbancario di Londra al quale le banche si prestano denaro tra di loro. Si tratta della seconda maggiore multa imposta nell’ambito di un’indagine globale.

La banca verserà 325 milioni di dollari alla Commodity Futures Trading Commission (CFTC), l’agenzia indipendente americana che regola il mercato dei future delle materie prime e quello delle opzioni. Al dipartimento della Giustizia statunitense andranno 150 milioni di dollari e 137 milioni di dollari (87,5 milioni di sterline) finiranno all’autorità inglese per i servizi finanziari, la Financial Services Authority. Lo ha comunicato in una nota la CFTC, secondo cui la divisione giapponese di Royal Bank of Scotland si è detta colpevole come parte di un accordo siglato con il dipartimento di Giustizia.

La multa è un colpo non indifferente per l’amministratore della banca Stephe Hester, impegnato a fare rinascere il gruppo dopo che fu salvato con denaro dei contribuenti nel 2008 attraverso un salvagente record da 45,5 miliardi di sterline (712,5 miliardi di dollari circa). La penalità, la terza finora arrivata nell’ambito delle indagini globali, supera quella da 290 milioni di sterline (454 milioni di dollari circa) imposta a Barclays lo scorso giugno ed è seconda solo a quella da 1,5 miliardi di dollari pagata a dicembre dalla svizzera Ubs.

Da almeno il 2006, decine di trader di RBS fecero “centinaia” di tentativi per manipolare il Libor.

Il titolo RBS quotato al New York Stock Exchange sale nel pre-mercato dello 0,38%. A Londra avanza dell’1,30%.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo