Il sindaco di Aramengo Giuseppe Marchese durante l'escursione in e-bike
Altro
Turismo “slow”

Aramengo, il turismo sulle colline si fa in bicicletta, e-bike e trekking

I paesi confinanti dell’area collinare tra torinese e Monferrato stanno lavorando per mappare i sentieri e fornire un’offerta turistica completa agli escursionisti

Un percorso cicloturistico nascerà dalla collaborazione di diversi Comuni del nord astigiano e del torinese. Con un’escursione in bicicletta, il sindaco di Aramengo Giuseppe Marchese e quello di Casalborgone Francesco Cavallero la scorsa settimana hanno fatto una sorta di sopralluogo sui sentieri delle colline, verificando insieme la possibilità di mettere in rete i rispettivi territori e mappare i percorsi escursionistici per ciclisti e camminatori amanti del turismo “slow”.

Insieme all’associazione chierese CioCheVale, promotrice del progetto “Pistaaa!” che mira a far conoscere il territorio attraverso l’uso della bicicletta, i paesi confinanti dell’area collinare tra Torino e Monferrato stanno lavorando per mappare i sentieri e fornire un’offerta turistica completa agli escursionisti, con cartelli e indicazioni dei luoghi artistici e architettonici di interesse, ma anche delle eccellenze enogastronomiche della zona: produttori, agriturismo, B&B.

«Il turismo “lento” esiste già – dice Giuseppe Marchese – abbiamo incontrato nella nostra escursione tantissimi camminatori e ciclisti. Mi ha colpito la naturalezza con la quale si è formata questa forma di comunità in movimento, che incontrandosi si saluta anche se formata da persone sconosciute. Ora tocca a noi fornire a questi particolari turisti i punti di rifermento delle nostre terre e dimostrarci disponibili all’incontro con la nostra offerta di prodotti artigianali e la valorizzazione del patrimonio artistico ed enogastronomico. Non dimentichiamo anche i servizi come le colonnine per le ricariche delle bici elettriche che saranno indispensabili per sviluppare l’e-bike».

Per migliorare la fruibilità del territorio è dunque indispensabile la collaborazione tra i diversi paesi e associazioni: «Ringrazio l’associazione Pistaaa! per averci fornito le bici elettriche – aggiunge il sindaco Marchese – ci hanno facilitato questo sopralluogo nel quale abbiamo avuto la possibilità di sperimentare quello che vogliamo diventi il punto di forza del turismo sulle nostre colline».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail