Consegna D.A.E. in Comune di Asti1
Attualità
Galleria 
Sicurezza

Asti ancora più cardioprotetta grazie ai tre D.A.E. donati dalle Guardie d’Onore del Pantheon e dall’U.N.I.R.R.

La consegna si è svolta domenica durante una solenne cerimonia alla presenza delle autorità civili e militari

La città di Asti dispone di tre nuovi defibrillatori semiautomatici esterni, D.A.E, donati grazie a una raccolta fondi promossa dalle Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon e dalla Sezione Provinciale U.N.I.R.R. di Asti presiedute da Giovanni Triberti. La consegna dei D.A.E. si è svolta domenica, in Comune, quando le associazioni con labari e bandiere al seguito del loro presidente e della vicepresidente dell’UNIRR, Francesca Ragusa, sono state ricevute dal sindaco Maurizio Rasero e dalle autorità locali civili e militari.

Prima dell’inizio della cerimonia la Guardia d’Onore Paola Nebiolo, mezzo soprano, ha cantato l’Inno di Mameli, simbolo di unità e fratellanza. Il sindaco ha quindi ringraziato «per il nobile e generoso contributo fornito dalle due associazioni a favore della collettività astigiana».

Federico Vola, farmacista e referente della società FormInLife, che da anni promuove progetti di cardioprotezione dei Comuni dell’Astigiano e del Piemonte, ha ricordato «l’importanza dei defibrillatori come primo soccorso in caso di arresto cardiaco». Il Comune di Asti ha già fatto sapere che posizionerà i nuovi defibrillatori nei luoghi che riterrà più idonei per essere utilizzati dalla cittadinanza in caso di necessità. 

La cerimonia è stata seguita dalla messa nella Collegiata di San Secondo, celebrata da monsignor Giuseppe Gallo, che ha evidenziato «le numerose opere di beneficenza di carattere sociale, culturale e soprattutto  umanitario promosse negli anni da Giovanni Triberti a cui hanno sempre contribuito in modo generoso e caritatevole le Guardie d’Onore della Delegazione di Asti e gli Associati UNIRR della sezione provinciale di Asti».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo