DSC_0179
Attualità
Domenica

Asti, domenica il presepe vivente per le vie del centro storico: bagna cauda fra i doni alla sacra grotta

Tutte le novità della ventesima edizione e chi impersonerà la Sacra Famiglia

La parrocchia di San Martino in collaborazione con il Lions Club Storici, Artisti e Presepisti d’Asti e il patrocinio del comune di Asti e dell’Aps “Tutti sotto la stella” per il ventesimo anno consecutivo è pronta per presentare alla città il presepe vivente.
La ventesima edizione rivedrà Gesù bambino deposto nella mangiatoia di piazza San Martino: il protagonista, o meglio la protagonista quest’anno sarà Emma Rizzo, accompagnata dalla mamma Laura Diac. San Giuseppe verrà impersonato dal parrocchiano Marco Perosino, poichè il papà Andrea non potrà esserci per motivi di lavoro.
La celebrazione delle 20 natività in cammino nel cuore di Asti avrà anche quest’anno la regia di Riccardo Fassone e andrà in scena domenica 4 dicembre alle  15.
Il corteo della natività sarà composto da oltre cento persone, sarà guidato dalla stella cometa, scortato dai soldati armati di Erode e avrà al seguito i cammelli dei re magi e percorrerà via Brofferio, partendo dalla chiesa di San Rocco, via Cavour, Piazza San Secondo, Piazza Statuto, Via Alberto Bruno, Via Aliberti per giungere in piazza San Martino dove nascerà Gesù bambino.
Gli angeli saranno accompagnati dallo zampognaro Pier Carlo Cardinali e i pastori saranno invece guidati da Manuela Avidano e il suo coro “Porta Paradisi”.
Tutti i bambini della scuola dell’infanzia “Nuovo centro giochi” e della Onlus “Anita e i suoi fratelli” saranno coordinati da Jazmina Silva per il comitato provinciale Unicef.
L’evento quest’anno avrà la peculiarità di portare in dono alla sacra grotta la bagna cauda e i suoi ingredienti per celebrare la concomitanza con il Bagna Cauda Day organizzato dalla rivista Astigiani.
Non mancheranno tra i pastorelli gli amici della “GSH Pegaso” e del Comitato Palio San Martino San Rocco.
Lungo il corteo ci sarà poi la consueta tappa all’Opera Pia Tellini per coinvolgere i nonni del quartiere.
Nella chiesa di San Martino proseguirà inoltre la mostra di presepi a sostegno del restauro del tetto della chiesa in collaborazione con l’associazione culturale San Martino.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale