La Nuova Provincia > Attualità > Asti, troppi assembramenti: si richiudono le aree gioco nei parchi e scatta l’obbligo delle mascherine all’aperto
Attualità Asti -

Asti, troppi assembramenti: si richiudono le aree gioco nei parchi e scatta l’obbligo delle mascherine all’aperto

Da venerdì 29 maggio fino alla mezzanotte di martedì 2 giugno scatta l'obbligo di usare la mascherina in tutti i luoghi pubblici all’aperto

Asti: troppi assembramenti nei parchi, si richiudono le aree gioco

Gruppi di ragazzi, in un caso fino a 18 giovani, che giocano nelle piattaforme sportive dei parchi o nelle aree attrezzate; mamme e bambini vicino alle giostrine che non rispettano alcun distanziamento sociale; troppa gente continua a fregarsene delle regole e, così, il sindaco di Asti Maurizio Rasero ha dovuto fare un passo indietro rispetto alla Fase 2 e richiudere, con l’ordinanza 48, tutti questi luoghi pubblici dove sono stati registrati pericolosi assembramenti.

27 maggio 2020 ore 20.15

Pubblicato da Rasero Maurizio su Mercoledì 27 maggio 2020

Rasero l’ha annunciato nella diretta di ieri sera, quando ha ricordato che ci sono persone, che abitano nei condomini, che “gli hanno mandato foto di 18 ragazzi intenti a fare una partitella di calcio su una piattaforma ristrettissima” e ha ricordato che questi comportamenti, compresi quelli delle mamme assembrate con i figli vicini alle giostrine, sono un pericolo che Asti non può correre tenuto conto che ci sono aziende rimaste chiuse per mesi, persone che rischiano di perdere il posto di lavoro, etc.

Il problema è evidente se si considera che già durante la Fase 1 Rasero aveva dovuto intervenire più volte nei parchi per richiamare all’ordine ragazzi che non rispettavano le regole del lockdown. Ora che siamo in Fase 2, da molti  intesa, erroneamente, come “il virus non c’è più, torniamo alla vita di prima”, cresce il timore per una ripresa dei contagi che, se incisiva, obbligherebbe gli amministratori a ben più drastiche decisioni.

Non a caso il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato, mercoledì, l’ordinanza 64 che obbliga tutti a portare le mascherine anche all’aperto in determinate situazioni.

In particolare l’ordinanza prevede da venerdì 29 maggio fino alla mezzanotte di martedì 2 giugno, salvo diverse regolamentazioni dei sindaci relative al proprio territorio comunale, l’obbligo di usare la mascherina in tutti i luoghi pubblici all’aperto, ma solo all’interno dei centri abitati e nelle aree commerciali. Per quanto riguarda le attività di ristorazione l’uso della mascherina non è obbligatorio per chi siede ai tavoli di un locale, sia all’interno che all’esterno nei dehors.

L’obbligo non si applica ai bambini con età inferiore a 6 anni; ai soggetti con forme di disabilità o con patologie non compatibili con l’uso continuativo dei dispositivi di protezione individuale e allo svolgimento di attività motoria e sportiva effettuata nel rispetto della distanza di sicurezza.

Un Commento

  • Gigi ha detto:

    non sono d’accordo!
    lontano dalle persone in totale sicurezza si deve poter respirare e togliere la mascherina!
    con il caldo e due mesi costretti a stare a casa…

    pensa che chiudendo i giochi i bambini smettano di fare i bambini!
    🤣🤣🤣

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente