Cerca
Close this search box.
task force 2
Attualità

Bollettino, 89 casi in più: è l’aumento peggiore di sempre

Metà positivi sono stati riscontrati nelle case di riposo. In Regione si è insediata oggi la task force per organizzare la ripresa

Unità di Crisi

Mentre tutti sono proiettati verso la Fase 2, le riaperture di attività produttive e commerciale e un allentamento dei divieti di circolazione, arriva un bollettino drammatico per Asti e provincia.

L’Unità di Crisi ha appena comunicato l’incremento dei contagi da ieri ad oggi e il nostro territorio segna 89 casi in più. Sempre secondo statistica, metà di essi è riconducibile a positivi ospitati nelle case di riposo all’interno delle quali è in atto da sabato l’esame del tampone a tutti, anche al personale sanitario.

Numeri che rappresentano una doccia fredda per la ripresa anche perchè a questo piccolo esercito di nuovi positivi si aggiungono anche 7 decessi in più di persone risultate positive al Covid 19. Unica buona notizia arriva dal fronte della “contabilità” dei guariti che sfonda il tetto delle 100 unità attestandosi a 111.

 

Insediata la task force

Intanto  oggi pomeriggio nella sede dell’Assessorato alla Sanità della regione Piemonte si è insediata la  task force di esperti (nella foto) che affiancherà lo stesso Assessorato e la Giunta   per la gestione della Fase 2 dell’emergenza coronavirus Covid19 in Piemonte.

Il coordinatore del gruppo di lavoro, Ferruccio Fazio, già ministro della Salute e oggi sindaco di Garessio, ha rilevato come l’emergenza di oggi renda indispensabile agire immediatamente sul fronte della medicina territoriale, attraverso un percorso condiviso con tutti gli interlocutori del comparto, dai medici di medicina generale, agli infermieri, ai nuovi operatori delle Usca.

«Entro luglio – hadetto –  presenteremo un piano organizzativo applicabile operativamente già a settembre. Nell’immediato, forniremo alla politica delle indicazioni tecniche e scientifiche sulle misure di contenimento sociale, in vista della scadenza del 3 maggio».

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale