La Nuova Provincia > Attualità > Canelli, 227 mila euro per i danni dell’alluvione di novembre
Attualità Canelli e sud -

Canelli, 227 mila euro per i danni dell’alluvione di novembre

Numerosi gli interventi in programma compresa la manutenzione di alcuni rii e la costruzione di una passerella in via Riccadonna

Grazie ai fondi della Regione

Più di 227 mila euro per il ripristino dei danni alluvionali dello scorso novembre e la manutenzione dei rii. E’ quanto il Comune mette in campo per la cura idrogeologica dei corsi d’acqua, la pulizia e la loro regimentazione.

Una buona fetta dei fondi, poco meno di 170 mila euro, arriva dal governo tramite la Regione Piemonte. «Si tratta – spiega il sindaco Paolo Lanzavecchia – del secondo stralcio di interventi urgenti riferiti all’evento alluvionale che ha colpito anche il nostro comune dal 21 al 25 novembre scorsi. Confermo quanto scrivono, nella lettera di assegnazione, il governatore Alberto Cirio e l’assessore Marco Gabusi: l’importanza per i Comuni, soprattutto i più piccoli, di avere risorse economiche sufficienti per coprire le spese sostenute per il ripristino di strade, ponti, edifici e infrastrutture».

Dove si terranno gli interventi

Nello specifico, 80 mila euro sono destinati al consolidamento e alla ricostruzione parziale della strada Cavolpi, dove si registrarono numerosi smottamenti. Altri 70 mila euro andranno per i lavori di ripristino della carrozzabile di regione Aie, anch’essa interessata da movimenti franosi che ne interruppero la percorribilità per alcuni giorni. Altri 14 mila 969 euro saranno utilizzati per lavori di manutenzione su strade comunali interessate dal fenomeno alluvionale. «In regione Aie abbiamo già investito 14 mila euro direttamente dalle casse comunali per risolvere i primi problemi degli smottamenti lungo il sedime stradale in modo da rendere agibile il transito dei veicoli» spiega l’assessore ai lavori pubblici Firmino Cecconato.

Manutenzione ai rii Rocchea, Trionzo e Pozzuolo

Ma non sono, questi, gli unici interventi che ripartiranno dopo la lunga fase di lockdown che ha interrotto ogni attività sia pubblica che privata. L’Ufficio tecnico comunale ha individuato alcune aree ritenute «necessarie di interventi per la salvaguardia della sicurezza – conferma l’assessore Cecconato -. Si tratta di affluenti del Belbo che, in regime di forti piogge, possono causare non pochi problemi». Sorvegliato speciale rio Rocchea, dove per la pulizia delle ripe e del letto si investiranno 25 mila euro. Altri 17 mila 500 euro serviranno per mettere a norma rio Trionzo mentre altri 15 mila euro andranno per la manutenzione di rio Pozzuolo che, per un tratto, scorre interrato.

Riprendono i lavori per la passerella

Inoltre, sono in dirittura d’arrivo le attività per l’abbrivio dei lavori di costruzione della “passerella” pedonale nei pressi della rotonda di via Riccadonna. Quando venne realizzato il rondò non fu “poggiato” il passaggio per pedoni in attesa di verificare la sostenibilità dello svincolo. Poi, l’arrivo dell’emergenza coronavirus ha bloccato i lavori. «Ora siamo in grado di riprendere là ove avevamo interrotto. Verrà costruita una passerella a sud, sulla parte che confina con l’ex stabilimento Riccadonna, così che il transito pedonale sia sicuro. In agenda, appena le condizioni meteo lo consentiranno, anche l’asfaltatura delle strade comunali» conferma l’assessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente