Antenne
Attualità
Servizi pubblici

Canelli, tornano visibili i canali Rai

Dopo le proteste dei residenti e le raccolte-firme, con un intervento del sindaco presso il Ministero dello Sviluppo Economico, è tornato a trasmettere il ripetitore in regione Caffi.

Festival di Sanremo senza fastidiose interruzioni e rumori criptici. Da mercoledì sera il segnale della tivù di stato è tornato. Ad annunciarlo il sindaco Paolo Lanzavecchia che, in giornata, aveva pubblicato sul sito istituzionale del Comune la notizia di aver scritto al Ministero dello Sviluppo Economico sottolineando che “tale problema deriva da uno cambiamento di tecnologia di un ripetitore situato al di fuori del territorio di Canelli. L’amministrazione comunale è intervenuta presso il Ministero dello Sviluppo Economico per farsi carico della riattivazione del ripetitore posto al di fuori del territorio comunale”.

Conferma arrivata in serata: “Il segnale Rai è nuovamente visibile nelle zone dov’era stato segnalato il disservizio – dice il primo cittadino -. Occorre, forse, un’azione di sintonizzazione degli apparecchi, ma il nostro intervento è andato a buon fine”. La soluzione pare sia stata, secondo alcuni interventi apparsi sui social, la “ripartenza” del ripetitore installato in regione Caffi di Cassinasco. Nei giorni scorsi era stato lui il principale indiziato per l’assenza di segnale. Secondo alcuni, infatti, venne spento in quanto serviva un’utenza limitata e, dunque, “non importante” per la televisione pubblica. Ad aver smosso le acque, dicono da Canelli, sia stata proprio la lettera del sindaco spumantiero ai vertici del Ministero e della Rai regionale.

L’area del sud astigiano ha visto switchare il digitale terrestre, tra cui l’HD, a inizio gennaio con tutto quanto ne è conseguito: mancanza di sintonizzazione sui televisori in uso alle famiglie, soprattutto quelli con anno di costruzione antecedente il 2018, problemi di ricezione se non totalmente assente sui canali ad alta definizione (501) e così via. Criticità che si è manifestata in tutta la sua ampiezza con l’arrivo delle gradi fiction sui canali Rai e il Festival di Sanremo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo