presepe1
Attualità
Galleria 
Natale

Castelnuovo Don Bosco: dalla parrocchia a Sant’Eusebio passando per la Fornaca nasce la “via dei presepi”

Un percorso carico di magia che termina al presepe tradizionale allestito nella parrocchia con statue antiche

Una di quelle magie che solo il Natale può originare, andando a toccare la spontaneità delle persone che, senza alcun coordinamento, hanno realizzato una via dei presepi.

E’ successo a Castelnuovo Don Bosco, dove dalla splendida parrocchia di Sant’Andrea all’altrettanto straordinaria chiesa romanica di Sant’Eusebio, passando per la zona della Fornaca è possibile ammirare presepi di ogni genere, realizzati da privati che hanno così abbellito quelle strade castelnovesi. Presepi esterni, che si possono ammirare ad ogni ora percorrendo via Aliberti, via Argentero, la zona alta e storica del paese e soffermandosi davanti alla chiesa di San Sebastiano.

Per arrivare alla parrocchia di Sant’Andrea, dove un consolidato gruppo di volontari porta avanti la tradizione del presepe tradizionale che venne rilanciata nelle case, nei borghi, nelle chiese e nelle cappelle da don Franco Burzio a fine Anni Novanta.

A Sant’Andrea è ripreso l’allestimento con le antiche statue e casette, patrimonio degli avi risalente fino all’epoca di Don Bosco.

Nessun effetto speciale, nessun utilizzo tecnologico, nessun meccanismo, ma un allestimento che invita a concentrare l’attenzione sulla Natività.

Le uniche concessioni “tecnologiche” sono lo scorrimento dell’acqua nel fiume che indica l’acqua come sorgente di vita, le luci che indicano l’alternanza del giorno e della notte e, da quest’anno, l’introduzione del cielo illuminato di stelle per indicare le tenebre che rischiarano le lunghe notti dell’umanità.

I presepi allestiti nelle chiese di Sant’Andrea e Sant’Eusebio sono visitabili tutti i giorni durante l’orario di apertura delle chiese dalle 10 alle 17,30 mentre gli altri sono tutti esposti all’esterno.

(Foto Pierino Gilardi)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo