IMG-20210217-WA0001
Attualità
Storia

Incisa: ricordato il “compleanno” del carabiniere eroe Giovanni Battista Scapaccino

Comandante provinciale, sindaco e il discendente Marcello Rota ieri hanno onorato il 219.mo anniversario della nascita della prima medaglia d’oro al valor militare

Nella mattinata di ieri il tenente colonnello Pierantonio Breda, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Asti, alla presenza del sindaco  Matteo Massimelli e del Maestro Marcello Rota discendente di Scapaccino, detentore della medaglia, ha deposto una corona d’alloro per celebrare il 219.mo anniversario della  nascita del carabiniere Giovanni Battista Scapaccino prima Medaglia d’Oro al Valor Militare ad essere assegnata ad un militare dell’Esercito sardo-piemontese.

Anche in un momento storico così particolare l’Arma non ha voluto dimenticare di onorare la memoria dell’Eroe che si rese protagonista di uno dei più fulgidi esempi di valore di fedeltà e coerenza alla Patria.

 

Scapaccino si arruolò volontario il 13 dicembre 1822 nel Reggimento “Piemonte Reale Cavalleria” divenendovi sottocaporale il 1° aprile 1829 e caporale il 1° luglio dello stesso anno. Prossimo al congedo, per ultima ferma, il 16 gennaio 1830, passò nel Corpo dei Carabinieri e fu destinato alla Stazione di Les Echelles, in Savoia. Nel 1833 un corpo armato di fuorusciti tentò di invadere la Savoia per accendervi la rivolta. Fallito un primo tentativo su Annecy, una colonna di circa cento armati, nella notte sul 3 febbraio 1834, varcò il confine raggiungendo di sorpresa il villaggio di Les Echelles, occupandolo.
Nella notte il Carabiniere Scapaccino, di quella Stazione, ignaro di quanto era accaduto, tornava a cavallo da Chambery, dove si era recato per servizio. Nonostante la località fosse già occupata, il Carabiniere tentò ugualmente di forzarne l’ingresso. Circondato dai ribelli, gli fu ingiunto, sotto la minaccia delle armi, di aderire spontaneamente alla loro causa e di gridare “Viva la repubblica”. Ligio al proprio dovere e pur consapevole che dalla risposta dipendeva la sua vita, il carabiniere si rifiutò, spronando il cavallo nella speranza di superare il cerchio degli armati. Fu un tentativo vano: due fucilate ne troncarono la giovane esistenza.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail