La Nuova Provincia > Attualità > Maltempo: permane l’allerta arancione su tutto l’Astigiano. Il Tanaro in crescita
Attualità Asti -

Maltempo: permane l’allerta arancione su tutto l’Astigiano. Il Tanaro in crescita

Permane l'allerta arancione su tutto l'astigiano. L'ultimo bollettino meteo dell'Arpa Piemonte parla di una perturbazione sul nostro territorio che proseguirà almeno per tutta la giornata

Tanaro in crescita, allerta arancione sull’Astigiano

Permane l’allerta arancione su tutto l’astigiano. L’ultimo bollettino meteo dell’Arpa Piemonte parla di una perturbazione sul nostro territorio che proseguirà almeno per tutta la giornata. “Nelle prossime ore sono attese ancora precipitazioni intense e diffuse su tutta la regione  – si legge sul bollettino meteo – e una marcata intensificazione della ventilazione. Lo scirocco proveniente dall’alto Tirreno alimenterà piogge molto forti che persisteranno per tutta la giornata sull’astigiano, l’alessandrino e il cuneese orientale.

Venti forti da est-sudest

Valori forti sono attesi fino alla tarda mattinata anche sulla pianura. I venti forti da est-sudest determineranno anche un incremento delle precipitazioni lungo tutto il settore montano e pedemontano nordoccidentale e settentrionale del verbano, alto novarese, alto vercellese, biellese e alto torinese, dove sono attesi valori forti o molto forti già in mattinata. Nel corso del pomeriggio flussi più orientali apporteranno precipitazioni forti anche sulla zona alpina e pedemontana occidentale.

Quota neve a 1300 metri

La quota neve si mantiene in mattinata sui 1300 m sul verbano e sul cuneese e sui 1400-1500 m sui restanti settori alpini, con tendenza a rialzarsi fino a 1500-1600 m nel pomeriggio. Sull’Appennino le precipitazioni saranno unicamente a carattere piovoso.

In crescita il livello del Tanaro

Per le prossime ore si prevedono incrementi repentini e significativi dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua del settore sud-occidentale, con superamenti delle soglie di pericolo, in particolare su alcune sezioni di Orba e Bormida, il cui contributo determinerà un innalzamento del livello del Tanaro a valle della confluenza. Dal pomeriggio, la persistenza delle piogge determinerà incrementi dei corsi d’acqua anche sul reticolo idrografico del settore nord-occidentale. Anche il Lago d’Orta e il Lago Maggiore sono previsti in significativo innalzamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente