Maurizio Rasero 02
Attualità
Politica

Maurizio Rasero è il nuovo presidente della Provincia di Asti

Unico candidato in corsa per la presidenza, è stato eletto domenica – Ecco chi sono i nuovi dieci consiglieri dell’Ente

Si sono svolte domenica le elezioni di secondo livello per il rinnovo del Consiglio provinciale e la nomina del nuovo presidente dell’Ente. Ad ottenere la carica più ambita è stato il sindaco di Asti Maurizio Rasero, unico candidato in corsa per la presidenza, che succede così all’ex presidente Paolo Lanfranco.

Alle elezioni hanno partecipato 1.299 elettori, tutti sindaci e consiglieri comunali, nei tre seggi allestiti all’Istituto Penna di Asti e nei municipi di Castelnuovo Don Bosco e Nizza Monferrato.
Eletti anche i nuovi dieci consiglieri provinciali, otto dalla lista di centrodestra “Progettiamo l’Astigiano” e due dalla lista di centrosinistra “Insieme per la Provincia”.

Per “Progettiamo l’Astigiano” entrano in Consiglio provinciale Simone Nosenzo, sindaco di Nizza (79 preferenze, voti ponderati 9.303), Davide Migliasso, sindaco di San Damiano (106 preferenze, voti ponderati 8.379), Angelica Corino, consigliera comunale di Canelli (34 preferenze, voti ponderati 7.080), Tiziana Gaeta, sindaco di Capriglio (72 preferenze, voti ponderati 6.372), Sara Rabellino, sindaco di Piea (70 preferenze, voti ponderati 6.356), Luigi Gallareto, sindaco di Monastero Bormida (90 preferenze, voti ponderati 6.790), Ivan Ferrero, sindaco di Mombercelli (42 preferenze, voti ponderati 5.380) e Anna Macchia, sindaco di Villafranca (30 preferenze, voti ponderati 3.151).

La lista “Insieme per la Provincia” esprime i consiglieri Andrea Gamba, sindaco di San Martino Alfieri (44 preferenze, voti ponderati 6.067) e Mario Malandrone (8 preferenze, voti ponderati 5.390).

Per l’elezione del presidente, che resterà in carica 4 anni, hanno votato 833 elettori su 1.299 eventi diritto (64,13%); per il rinnovo del Consiglio, che resterà in carica 2 anni, i votanti sono stati 835 (64,28%).

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo